post

Domani la festa di chiusura della stagione sportiva 2021/2022

Domani, mercoledì 22 giugno, dalle ore 18, presso il campo comunale di Grottaferrata si terrà l’evento di chiusura della stagione calcistica 2021/2022.

La manifestazione, aperta a tutti gli atleti, i bambini e a tutti i loro genitori, rappresenta un modo per dire grazie a tutti i nostri tesserati, agli atleti, ai bambini, alle loro famiglie e allo staff societario.

post

Stage settore giovanile

L’ASD Vivace Grottaferrata 1922 comunica che è possibile svolgere fare stage per la Categoria 2005-2006 (campionato Juniores) il martedì e il giovedì dalle ore ore 18,30 alle 20 presso il campo comunale di via degli Ulivi.
Per la Categoria 2008-2009 è possibile svolgere stage il mercoledì dalle ore 18,30 alle 20 presso il campo comunale di via degli Ulivi.
Per informazioni contattare Massimiliano Matrullo, responsabile del settore giovanile al numero 3313624076.

post

Costi scuola calcio 2022/2023

La Asd Vivace Grottaferrata 1922 comunica i costi della scuola calcio per la stagione calcistica 2022/2023:

  • – iscrizione 350 euro + 200 kit Macron
  • – coloro che già possiedono il kit pagano solo l’iscrizione di 350 euro

A tutti gli iscritti saranno dati in omaggio due biglietti per Cinecittà World o Roma World.

post

Evento di chiusura della stagione calcistica 2021/2022

Mercoledì 22 giugno a partire dalle ore 18, presso il campo comunale di Grottaferrata si terrà l’evento di chiusura della stagione calcistica 2021/2022.

La manifestazione, aperta a tutti gli atleti, i bambini e a tutti i loro genitori, rappresenta un modo per dire grazie a tutti i nostri tesserati, agli atleti, ai bambini, alle loro famiglie e allo staff societario.

post

La Vivace Grottaferrata soffre per oltre un ‘ora, ma passa a Colleferro e centra l’obiettivo salvezza

Pur faticando più del dovuto, la Vivace Grottaferrata passa 2-1 allo Stadio Bruno Di Giulio di Colleferro e chiude il torneo di Promozione all’ottavo posto, evitando il playout e scavalcando in un solo colpo sia la Lodigiani che il Villa Adriana. La squadra di Gioacchini, che ben sapeva di non poter disporre di nulla, oltre le proprie forze, ha disputato un primo tempo non all’altezza. L’Atletico, ormai retrocesso, ha suonato un campanello d’allarme al 6′ (cross di Maselli che ha sfilato pericolosamente in area), per poi passare in vantaggio al 12′ con un’azione personale di Mariani che dal limite ha messo palla all’incrocio dei pali. Reazione della Vivace al 15′ con Tiberi (tiro ribattuto dalla difesa) e al 17′ con Mazzon (colpo di testa alto su calcio d’angolo), poi non accade più nulla fino al 27′ quando Crisafulli nega il pari a Parroni e sulla respinta Tiberi mette fuori. Al 37′ Giacomi calcia male da buona posizione, poi al 39′ si rivede in contropiede l’Atletico con un cross di Cerbara che attraversa pericolosamente l’area piccola. Il tempo si chiude con le conclusioni di Gioacchini e Giaocomi che non sono un problema per la difesa di casa. La ripresa è un festival delle occasioni mancate per la Vivace: 8 tiri verso la porta avversaria in 20 minuti, in particolare con il subentrato Pansera che al 17′ mette fuori di testa dall’area piccola e al 19′, dopo un rimpallo favorevole, spara oltre la traversa da traversa da non più di tre metri. Al 23′ doppia conclusione di Tiberi, la prima ribattuta dalla difesa, la seconda fuori, ma un minuto dopo il cross di Acciari da destra è raccolto da Pansera che batte il portiere avversario con un tiro sul secondo palo per l’1-1. La squadra di Gioacchini sa di non potersi accontentare e prosegue nel suo forcing, andando ancora al tiro con Tiberi al 26′ (contrato dalla difesa) e al 27′ con Parroni (a lato di un soffio). Un minuto più tardi è la stessa coppia a confezionare il 2-1: il cross da sinistra è di Parroni, la deviazione vincente di testa di Tiberi. Al 30′ ci si mette anche il guardalinee che ferma Pansera per un fuorigioco inesistente, considerando che l’attaccante era partito verso il portiere avversario dalla sua metàcampo. La Vivace va vicina al 3-1 con Paparelli al 35′ (colpo di testa ben parato) e al 38′ (supera il portiere e si fa ribattere il tiro da Della Vecchia), ma al 39′ deve ringraziare il portiere Panfilo che respinge la conclusione di Schiavi, al termine di un contropiede dei padroni di casa. C’è ancora il tempo per vedere due pali colpiti dalla squadra di Gioacchini. Al 40′ il colpo di testa di Paparelli viene smanacciato sulla traversa da Crisafulli che al 44′ è “graziato” da Pansera che, dalla stessa posizione dell’1-1, opta per un tiro sul primo palo, colpendolo in pieno. Poi il triplice fischio che certifica salvezza e anche l’ottavo posto in classifica.

post

Vivace Grottaferrata a Colleferro con il destino nelle proprie mani

Domani a Colleferro la Vivace Grottaferrata disputa l’ultima gara della stagione 2021-2022 affrontando l’Atletico allo Stadio Bruno Di Giulio alle 11. La squadra di Gioacchini, per non chiedere nulla agli altri, deve vincere. La Vis Subiaco attende infatti il Villa Adriana ormai salvo, per cui è ipotizzabile un suo successo. In questo caso un pari non basterebbe alla Vivace per evitare il playout perché, anche in caso di (probabile) sconfitta della Lodigiani sul campo del Torrenova che deve blindare la promozione, lo scontro diretto pari (3-2 e 1-2) rimanderebbe alla differenza reti, attualmente incolmabile (+27 Lodigiani, +4 Vivace). Niente calcoli dunque. «Mi aspettavo che fosse un torneo difficile fino all’ultima partita – afferma Gioacchini – ma sono contento che abbiamo il destino nelle nostre mani. Abbiamo disputato un grande girone di ritorno, in Coppa siamo arrivati fino ai quarti di finale e siamo usciti senza mai perdere. Nel 2022 siamo anche imbattuti in casa. La squadra ha qualche assenza per infortunio, ma ci siamo». Ricordando che non bisogna pensare alle ultime pesanti sconfitte dell’Atletico, già retrocesso da tempo. «Ho allertato la squadra – conferma Gioacchini – perché noi non abbiamo mai regalato nulla agli avversari durante il torneo e mi aspetto lo stesso atteggiamento. Queste sono sempre partite da prendere con la giusta attenzione». Un torneo che è stato impegnativo fino all’ultimo turno. «Per il calcio che abbiamo espresso meritavamo qualche cosa in più, ma sono contento del gruppo. La squadra è cresciuta progressivamente. C’è un po’ di rammarico per il girone d’andata, ma ripeto, è stata una crescita progressiva. Finiremo il torneo e poi tireremo le somme».

post

Alla Vivace Grottaferrata basta un tempo per battere la Pro Roma 4-0

Basta un tempo alla Vivace Grottaferrata per superare 4-0 la Pro Roma nel 29° turno di campionato. La squadra di Gioacchini, anche a causa di qualche risultato sorprendente, dovrà attendere domenica prossima la trasferta di Colleferro, per poter festeggiare il traguardo della salvezza. Da aggiungere: nell’incertezza della situazione, considerando che l’Atletico non si è presentato alla gara con il Villa Adriana. Contro i giovani della Pro Roma (in campo solo 2003 e 2004), la Vivace ha dominato il primo tempo, andando a segno già al 5′ con Luciani, lesto a ribadire in rete un tiro di Parroni respinto dal portiere. Al 14′ traversa dello stesso Luciani e, nel seguito dell’azione offensiva, conclusione vincente di Pietrantoni. Dieci minuti più tardi un rilancio lungo di Fresilli viene clamorosamente bucato dalla difesa e per Tiberi è un gioco da ragazzi mettere alle spalle di Cherubini in uscita il 3-0. Il poker dei padroni di casa al 34′ con la migliore azione della gara, finalizzata da Tiberi per la facile doppietta di Luciani. La Vivace va vicina anche al quinto gol con il tiro di Giacomi (a lato) al 37′ e con Luciani (grande intervento di Cherubini) al 44′. Inizio ripresa con girandola di cambi per Gioacchini e Pro Roma che si rende pericolosa al 2′ (tiro svirgolato di Farina) e al 4′ (Pozzi di poco a lato). Gli ospiti cercano di fare la partita, ma rischiano di subire la quinta rete al 25′ (traversa di Chiacchierini). Cherubini evita altri guai alla Pro Roma, intervenendo al 34′ sul colpo di testa di Chiacchierini, al 36′ sulla conclusione di Moretti e al 40′ su quella di Pansera. Ma va ovviamente bene così.

post

Il KO con l’Atletico Torrenova non cambia l’obiettivo della Vivace Grottaferrata

La Vivace Grottaferrata cede 4-2 all’Atletico Torrenova nel 28° turno di campionato, senza però che cambi l’obiettivo da raggiungere. Nelle due giornate che restano da disputare (Pro Roma in casa e Atletico Colleferro fuori), la squadra di Gioacchini dovrà mettere insieme 4 punti, per non dover guardare i risultati delle altre. La gara con l’Atletico, nonostante il vantaggio immediato dei padroni di casa, è stata in bilico almeno per il primo tempo. «Hanno segnato subito – afferma mister Gioacchini – e dopo 10 minuti erano sul 2-0. Però non ci siamo disuniti e abbiamo accorciato le distanze, rischiando il 2-2 con una conclusione di Moretti di poco a lato. Il 3-1 maturato nella ripresa da calcio d’angolo ci ha tagliato le gambe, ma abbiamo anche avuto la forza di replicare al loro 4-1 con un altro gol. Abbiamo chiuso la gara con una serie di Millennial in campo che rappresentano un segnale importante per il futuro». Due gare alla fine con traguardo in vista. «Importante battere la Pro Roma domenica prossima, perché a parte il Villa Adriana che ospita l’Atletico Colleferro, ci sono tutti confronti diretti tra chi cerca la salvezza e chi è a caccia dei playoff. Siamo ancora un po’ incerottati, ma sapevamo comunque di dover soffrire fino alla fine della stagione».

post

Altra capolista per la Vivace Grottaferrata nel 28° turno di campionato

Visita domani (ore 11) all’Atletico Torrenova capoclassifica del Girone D per la Vivace Grottaferrata nel 28° turno di campionato. Partita sulla carta proibitiva, come del resto tante altre in passato. Non è ancora il momento di fare i conti, ma a 3 giornate dalla fine basterà fare il proprio dovere, 4 punti in tutto (sufficienti per tenere dietro in classifica la Polisportiva De Rossi e mantenere almeno un +8 di distacco sulla Vis Subiaco), per non doversi preoccupare di quello che faranno gli altri. E il target potrebbe anche essere diverso già da domenica pomeriggio. Considerando che la squadra di Gioacchini non affronterà corazzate (Pro Roma e Atletico Colleferro) nelle ultime due giornate, è una “mission” di quelle “not impossible”. Intanto però con l’Atletico Torrenova, una gara difficile. «Non difficile – afferma mister Gioacchini – difficilissima. Noi fuori casa stiamo facendo pochi punti, nonostante in diverse occasioni siamo riusciti a esprimere un buon gioco. Veniamo anche da una partita che, con una serie di infortuni, ci ha creato problemi per il futuro. Abbiamo diverse indisponibilità e andremo lì incerottati. Loro sono uno squadrone ma, come accaduto in altre occasioni, noi faremo del nostro meglio. I ragazzi lo sanno e sono pronti». Non è ancora il momento di fare calcoli. «Abbiamo disputato il torneo guardando di settimana in settimana al da farsi. È stata un’annata particolare anche per le condizioni esterne che non hanno permesso di gestire al meglio la situazione. Mancano tre domeniche alla fine e noi cercheremo di mantenere il distacco che abbiamo, provando anche ad evitare il playout».

post

Vivace Grottaferrata soffre ma nel finale supera la Virtus Roma 1-0

La Vivace Grottaferrata recupera la cattiva sorte subita a Marino domenica scorsa, superando, con un po’ di fortuna (Fresilli migliore in campo) ma anche tanta volontà, la Virtus Roma 1-0 nel 27° turno di campionato. Non è stata la miglior prestazione della squadra di Gioacchini, costretto, tra assenze prima del match e infortuni nel corso della partita, a reinventare la formazione un paio di volte. Gli ospiti però conoscevano solo vittorie dal mese di aprile, con risultati roboanti. Primo tempo senza particolari emozioni. La Vivace inizia meglio, ma sono gli ospiti al 17′ a essere pericolosi con Bartolomeo, fermato da un provvidenziale salvataggio di Mazzon. Il primo tiro in porta arriva solo al 26′, con Rossini e Fresilli che blocca a terra. L’unica conclusione dei padroni di casa è di Parroni al 31′, con palla largamente oltre la traversa. Poi gli infortuni di Giacomi e Monaco, sostituiti rispettivamente da Raparelli e Ingannamorte, che fanno terminare il primo tempo al 52′. La ripresa vede gli ospiti presentarsi davanti a Fresilli al 2′ con Rossini, che non sa decidersi se tirare o cedere palla a Bartolomeo e chiude con un tirocross da dimenticare. I padroni di casa rispondono sciupando due azioni nell’area avversaria tra 11′ (Luciani) e 15′ (Pansera), ma la Virtus va vicina al vantaggio un minuto più tardi con Bartolomeo, che però si fa ipnotizzare da Fresilli in uscita. Gli ospiti insistono e tra 29′ e 31′ De Nigris si presenta due volte a tu per tu con Fresilli, ma senza riuscire a superarlo. Al 36′ altro pericolo per la porta di casa con un cross da destra di Bartolomeo che attraversa l’area della Vivace senza trovare una deviazione vincente. La Vivace rialza la testa conquistando due calci d’angolo consecutivi, poi al 40′ la manovra dei padroni di casa porta Parroni a servire Acciari, che entra in area sul lato destro e lascia partire un tiro incrociato imparabile per Amendola. Lo svantaggio mette in ginocchio gli ospiti che non riescono più a orchestrare un’azione d’attacco decente. Si scaldano gli animi e farne le spese è Paparelli, espulso. Nonostante un recupero interminabile di 9 minuti, il risultato non cambia. Alla fine tre punti pesantissimi per il morale e soprattutto il campionato.

post

Vivace Grottaferrata-Virtus Roma è scontro diretto

Quattro turni dal termine della stagione, con la Vivace Grottaferrata che attende domani la visita della Virtus Roma, squadra che conta 8 punti in meno rispetto a quella di Gioacchini, ma è in serie positiva da quattro partite consecutive. Dopo aver ceduto 3-2 in casa all’Atletico Torrenova lo scorso 27 marzo, la Virtus ha trascorso un aprile da sogno, travolgendo in serie quattro avversarie. Ultima vittima il Villa Adriana, battuto 4-0 domenica scorsa 1 maggio. «Una gara da affrontare da dentro o fuori – afferma Gioacchini – perché guardando il calendario la Virtus Roma è un diretto avversario che, tra l’altro, ha infilato una serie di vittorie importante. Noi dobbiamo fare punti, senza fermarci. È una partita delicata perché affrontiamo un avversario forte. Abbiamo Moretti squalificato, ma la squadra sta bene e come sempre darà il massimo in campo». Via alla volata finale dunque. «Mancano quattro giornate e per raggiungere l’obiettivo cercheremo sempre il massimo. Domenica scorsa potevamo accontentarci a un certo punto. Potevamo vincerla e l’abbiamo persa. Per me quando si gioca per non far male non è calcio e spero che anche gli altri facciano lo stesso. Potremo dire alla fine del torneo che nessuno ci ha regalato un punto, né noi lo abbiamo fatto».

post

Un rigore dubbio nel recupero condanna la Vivace Grottaferrata a Marino

La Vivace Grottaferrata cede 1-0 a Marino contro la Bi.Ti. Calcio nel 26° turno di campionato. L’unica rete della gara è arrivata su calcio di rigore, quanto meno dubbio, assegnato a favore di padroni di casa nel recupero. Non solo per questo motivo, sono grandi i rimpianti della squadra di Gioacchini che avrebbe meritato di uscire dal campo con un risultato positivo. «Abbiamo giocato una grande gara – conferma l’allenatore della Vivace – e avremmo meritato di portare dei punti a casa. Sullo 0-0 le occasioni migliori per andare in vantaggio sono state le nostre». Nulla da dire quindi sulla prestazione della squadra. «La prestazione c’è stata e sono contento perché i ragazzi hanno risposto nella maniera giusta. Abbiamo cercato di vincere, senza accontentarci, così come hanno fatto i nostri avversari. Potevamo vincere, abbiamo perso per un calcio di rigore a tempo scaduto che forse non c’era, ma va bene così se devo valutare la squadra». Quattro giornate ancora da vivere senza distrazioni. «Il traguardo è vicino e per questo bisogna restare concentrati, a iniziare da domenica prossima, considerando che la Virtus Roma ha centrato quattro vittorie consecutive, scavalcando la Vis Subiaco».

post

Domenica a Marino Bi.Ti. Calcio-Vivace Grottaferrata per il 26° turno di campionato

La Vivace Grottaferrata si è gettata alle spalle la bella vittoria con il Rocca Priora per concentrarsi sulla gara di domenica contro la Bi.Ti. Calcio, per il 26° turno di campionato. La formazione di Marino sopravanza quella di Gioacchini per 4 punti, a -2 dalla zona playoff. «È un derby – afferma l’allenatore della Vivace – ma è importante anche per consolidare quello che stiamo facendo e ovviamente per i punti in palio. Conosco bene il loro mister e lo rispetto. Anche se in trasferta non abbiamo avuto lo stesso rendimento interno, sa che andremo lì per fare la partita, così come sicuramente cercheranno di fare loro. Mi aspetto una bella gara da vedere per chi sarà sugli spalti». Talvolta, dopo risultati importanti, alla squadra è mancata la giusta concentrazione nella gara successiva. «Lavorare con tanti giovani che ti seguono è positivo, ma può accadere che i complimenti che ricevono facciano calare la concentrazione. La posta in palio anche questa volta è importante e dovremo entrare in campo subito nella maniera giusta». Senza fare calcoli sul futuro. «Mancano ancora cinque gare – risponde Gioacchini – e i conti si potranno fare solo alla fine. Dobbiamo pensare solo a noi stessi, settimanalmente partita per partita, come abbiamo fatto per tutta la stagione. Questa è la mentalità giusta da tenere per conquistare risultati».

post

La Vivace Grottaferrata supera 2-1 il Rocca Priora capoclassifica

La prima della classe cade a Grottaferrata, superata 2-1 con merito dalla Vivace. La squadra di Gioacchini, come accaduto con altre compagini di alta classifica, ha saputo soffrire quando costretta sulla difensiva, ma senza mai sbandare e ripartendo in tutte le occasioni possibili. L’inizio degli ospiti è veemente e all’11’ Barbusca colpisce la traversa di Fresilli. Al 18′ la ripartenza della Vivace mette in condizioni Parroni di arrivare in area e trovare la grande risposta di Di Giammarco. Tra 20′ e 22′ Barbusca conclude due volte, ma prima la difesa e poi Fresilli disinnescano il pericolo. Al 24′ Vivace in vantaggio grazie a Tiberi che si infila tra i centrali, anticipa l’uscita al limite dell’area di Di Giammarco e deposita in rete. Il Rocca Priora reagisce andando alla conclusione al 27′ con un colpo di testa di Amico e poi al 29′ con un tiro dal limite di Troisi. L’1-1 tre minuti più tardi con una punizione dal vertice sinistro dell’area che Daniele Graziani spedisce nel sette opposto. Al 34′ gli ospiti sfiorano il vantaggio con Nuzzi che però vede il suo tiro neutralizzato da Fresilli. La Vivace torna a farsi pericolosa con Parroni al 36′, poi al 44′ Luciani riceve palla sulla destra al limite, incrocia in area superando Molinaro e batte Di Giammarco per il 2-1. Inizio ripresa furioso degli ospiti che vanno vicini al 2-2 all’11’ con un colpo di testa di Ceccarelli (a lato) e al 14′ con la difesa della Vivace che cincischia nella propria area, permettendo a Troisi di battere da non più di 5 metri dalla porta, con palla sull’esterno della rete. Un minuto più tardi piccolo caos in campo: azione d’attacco del Rocca Priora con un fallo al limite della difesa di casa, palla che viene deviata da un giocatore ospite verso Ceccarelli che in fuorigioco mette in rete. L’arbitro torna indietro per la punizione a favore degli ospiti che pensano invece che abbia convalidato la rete. Dopo cinque minuti di discussioni, inutili per la dinamica dell’azione, la punizione dal limite di Daniele Graziani finisce oltre la traversa. La spinta degli ospiti perde consistenza e precisione e la Vivace va vicina al 3-1 prima con Moretti al 28′ e poi con Tiberi al 37′: entrambi si trovano a tu per tu con Di Giammarco ma non riescono a superarlo. Al 43′ il Rocca Priora resta in 10 perché Amico, dopo aver anticipato il neo entrato Pansera al limite dell’area, perde il rimpallo e atterra l’avversario da ultimo uomo. Al 45′ l’ennesima ripartenza della Vivace permette a Pansera di ricevere palla in area, ma il tiro è rimpallato dalla difesa. Il recupero è, giustamente, da record (9 minuti), senza però che il Rocca Prioria abbia più la forza di rendersi pericoloso. Finisce 2-1 e al tirare delle somme è giusto così. Difficile stavolta, per i meriti dell’intera squadra di Gioacchini, trovare un migliore in campo.

post

A Grottaferrata arriva la prima della classe

Domenica 24 aprile la Vivace Grottaferrata attende la visita della prima della classe nel 25° turno di campionato. Il Rocca Priora guida il terzetto di testa, racchiuso in due punti, e vuole proseguire nel suo cammino. Dopo l’1-1 di mercoledì scorso nel recupero con l’Atletico Morena, anche la squadra di Gioacchini cerca di dare continuità di risultati alla classifica. «La squadra sta bene, forse dispiaciuta per i punti in classifica che potevano essere di più. Arriva la prima della classe, con giocatori affermati e questo è uno stimolo in più per tutti. Noi non andiamo mai in campo per racimolare un punto, ma per cercare di giocare la partita, anche contro chi, almeno sulla carta, è più forte. Forse facciamo meglio proprio contro le squadre che vogliono giocare la partita che provano a imporre il loro gioco, perché comunque cerchiamo sempre di ripartire dal basso». Ultime gare da affrontare a testa bassa. «Da qui alla fine del torneo dobbiamo mettere punti in classifica. Per ora abbiamo fatto un cammino positivo, ma siamo legati anche alla permanenza in categoria. Mettere 8 punti di distacco dalla squadra con cui si giocherebbe il playout, significherebbe evitarlo. Questo deve essere il nostro obiettivo primario, anche se non possiamo fare calcoli, ma carcare di dare il meglio di noi stessi in ogni partita che affronteremo da qui alla fine».

post

Due errori difensivi per l’1-1 tra Vivace Grottaferrata e Atletico Morena

Due errori difensivi per l’1-1 tra Vivace Grottaferrata e Atletico Morena, nel match di recupero della 21ma giornata di campionato. Gara senza particolari emozioni, ma con la squadra di Gioacchini che ha creato le uniche vere occasioni da rete. L’inizio è degli ospiti che pressano alto e mettono talvolta in affanno i padroni di casa, ma senza creare pericoli per la porta di Fresilli. Al 17′ Parroni serve Tiberi che riesce a girarsi in area, ma vede il suo tiro rimpallato dalla difesa. Al 24′ Vasta si trova a tu per tu con Fresilli che para la conclusione dell’attaccante avversario, ma con la bandierina del guardalinee già alzata per fuorigioco. Tre minuti più tardi la Vivace esce bene dal pressing avversario con Ferraro che serve Parroni per un tiro dal limite che termina a lato. Al 42′ il vantaggio dei padroni di casa con un campanile che viene guardato dai centrali del Morena per l’inserimento di Tiberi che li anticipa, supera il portiere avversario e riesce a depositare in rete. Inizio ripresa con Asci che si complica la vita perdendo prima un pallone al limite dell’area contro Vasta e poi concedendo un calcio d’angolo dopo 30”. Sul tiro della bandierina altro pasticcio della difesa che permette a Lunghi di spingere la palla in rete da due passi per l’1-1. Gli ospiti insistono per una decina di minuti e al 12′ il solito Vasta supera due avversari e appena dentro l’area mette palla in mezzo per l’intervento (l’unico della gara) con i pugni di Fresilli che allontana il pericolo. La pressione degli ospiti diminuisce e la Vivace riparte con più precisione. Al 27′ una punizione di Parroni viene messa in angolo da Rossi, che al 34′ deve ripetersi sulla migliore azione della partita dei padroni di casa, che porta alla conclusione Moretti, entrato alla mezz’ora al posto di Tiberi. Finale senza sussulti, se non per il mancato secondo giallo al marcatore degli ospiti Lunghi a 2′ dal termine. Tiberi, non solo per il gol, ma per come ha lottato in tutta la gara, merita gli onori del migliore in campo. Domenica prossima a Grottaferrata arriva il Rocca Priora prima della classe.

 

post

Non basta la miglior gara stagionale alla Vivace Grottaferrata per passare i quarti di Coppa Italia

Non basta la miglior gara stagionale della Vivace Grottaferrata per superare il Monte San Biagio nei quarti di Coppa Italia. La squadra di Gioacchini ha sofferto gli avversari per la prima mezz’ora, ma poi ha ribattuto colpo su colpo, chiudendo i 90′ più recupero sul 2-2. La lotteria dei rigori ha premiato solo al quinto tiro gli ospiti che hanno così passato il turno 5-4. L’inizio è degli ospiti, dominatori del Girone E e con una sola sconfitta al passivo nell’intera stagione. La Vivace è stretta nella sua metàcampo, ma subisce l’1-0 al 13′ con un pizzico di sfortuna, perché il lancio di Mallozzi in area è sporcato dalla difesa e permette a Di Marco di battere Fresilli. Fino alla mezz’ora i padroni di casa non riescono a costruire gioco, rischiando qualcosa in un paio di occasioni. Al 35′ prima conclusione, ma debole, di Martena verso la porta di Ristic. Due minuti dopo però, l’azione avvolgente della Vivace termina con palla a Tiberi che dal limite mette a segno l’1-1. Un minuto dopo è Giacomi che si presenta in area sul lato destro ma tira su Ristic, mentre sul fronte opposto un cross di Di Marco è girato di testa da Gionta oltre la traversa. Al 2′ di recupero punizione da 25 metri per gli ospiti che Mallozzi infila sotto il sette della porta di Fresilli per il 2-1 con cui si chiude il parziale. Al 7′ della ripresa secondo giallo, forse eccessivo, per Monaco e Vivace in 10, ma al 16′ anche Di Marco subisce la stessa sorte e si ristabilisce la parità in campo. Al 21′ da corner Fedeli indovina l’angolo giusto, ma Ferraro salva sulla linea il possibile 1-3 e sul ribaltamento di fronte i padroni di casa infilano la difesa avversaria con Luciani che serve Raparelli che batte Ristic in uscita. Al 24′ Fresilli deve superarsi per evitare il nuovo vantaggio ospite, respingendo a una mano il tiro a giro di Gionta. La partita resta viva, pur senza occasioni da rete importanti, fino al 1′ di recupero, quando Ingannamorte riceve palla da Luciani, ma dal dischetto del rigore tira centralmente per la facile parata di Ristic. Si va ai tiri di rigore per decidere la semifinalista e dopo due errori per parte su quattro esecuzioni, al quinto tiro Ingannamorte colpisce il palo, mentre Fanelli chiude la contesa battendo Fresilli.

post

Vivace Grottaferrata KO pesante a Vicovaro, ma il risultato inganna

Sconfitta pesante nei numeri, ma meno per l’andamento della partita, quella subita dalla Vivace Grottaferrata a Vicovaro nel 24° turno di campionato. Il 5-0 conclusivo non rispecchia quanto si è visto in campo, almeno per il primo tempo. «Per trenta minuti sembravamo noi la squadra di alta classifica – afferma l’allenatore Stefano Gioacchini – perché abbiamo condotto la gara, colpendo una traversa e mancando un’altra importante occasione per andare in vantaggio. Poi dopo il loro 1-0 le cose sono cambiate e Pangrazi ha fatto la differenza, mettendo a segno due reti da giocatore di categoria superiore. Sotto 3-0 dopo il primo tempo non dovevamo rischiare troppo, considerando che mercoledì abbiamo un appuntamento decisivo in Coppa Italia». Niente da rimproverare alla squadra. «No, perché ripeto, il risultato inganna sicuramente e, oltre tutto, venivamo da una serie di partite consecutive tra domenica e mercoledì. I quarti di finale potevano essere giocati dopo la pausa di Pasqua, ma a questo punto dobbiamo ricaricare le forze e disputare la sfida con il Monte San Biagio al massimo delle nostre possibilità, nonostante sia un avversario, almeno sulla carta, più forte dello stesso Vicovaro». Appuntamento dunque mercoledì prossimo a Grottaferrata (ore 16) per la sfida con il Monte San Biagio per i quarti di Coppa Italia.

post

Messaggio del commissario straordinario per il centenario della Vivace

“Un saluto… vivace, è proprio il caso di dirlo, e sentito alla società e alla squadra che da cento anni rappresenta il calcio grottaferratese.
Nel dispiacere di non riuscire a condividere questo bel pomeriggio di sport, memoria e solidarietà, sono certamente lieto di inviare il mio personale saluto a una giornata dal triplice significato per la comunità grottaferratese.
Il valore sportivo insito nel celebrare un secolo di calcio. Il valore umano e gli onori della memoria riservati a un tesserato simbolo della squadra e del campo della Vivace, Massimo “Centocarte” De Angelis, testimone di più generazioni e – ho saputo – amico per molti. Non da ultimo il valore della solidarietà che vede unirsi anche il mondo dello sport alla campagna per salvare l’Agricoltura Capodarco.
Tre momenti fondanti di una giornata che sarà allietata anche dalla presenza dei colleghi dell’Assocentauri della Polizia di Stato alla cui squadra pure rivolgo il mio benvenuto a Grottaferrata.
Nell’auspicare, dunque, per tutti i presenti un pomeriggio di divertimento e di pensieri alti e nobili, come i valori poc’anzi accennati che da un secolo albergano nei cuori di chi indossa la maglia della Vivace, non posso che salutare augurando un altro secolo, almeno, di successi alla vostra… nostra Vivace Grottaferrata!”
Giancarlo Dionisi

post

Grottaferrata a Vicovaro per il 24° turno di campionato

Impegni difficili a raffica per la Vivace Grottaferrata che domani affronta la trasferta di Vicovaro per il 24° turno di campionato e mercoledì prossimo (ore 16) ospiterà il Monte San Biagio nei quarti di Coppa Italia. «Se ci mettiamo anche le gare con Rocca Priora e BiTi – afferma il tecnico Stefano Gioacchini – è un poker di gare molto impegnativo. Sfide affascinanti contro squadre forti e quel che riusciremo a raccogliere sarà tutto di guadagnato». Squadra che sta cercando di recuperare le forze. «Qualche affaticamento lo abbiamo, nonostante le rotazioni in formazione che stiamo facendo. Speriamo di disputare una buona gara con il Vicovaro che è sicuramente una delle favorite per il passaggio di categoria». Forse ancora più forte l’avversario di mercoledì nei quarti di Coppa Italia. «Monte San Biagio squadra solida in tutti i reparti. Sono primi in classifica, con una sola sconfitta nel torneo. La nota positiva è che potremo giocare sul nostro campo, ma per poter passare il turno dovremo dare oltre il 100% delle nostre forze. Domenica avranno anche un avversario più morbido rispetto al nostro. Siamo arrivati tra le prime otto ed è già un grande risultato, ma cercheremo di fare ancora meglio per entrare nelle prime quattro».

post

La Vivace Grottaferrata passa 2-1 sul campo della Pro Roma Calcio

n qualche difficoltà, forse di troppo, la Vivace Grottaferrata espugna 2-1 il campo della Pro Roma Calcio nel recupero del 14° turno di campionato. La Pro Roma Calcio infatti era reduce dal 6-1 incassato dalla Virtus Rima e occupa la terzultima posizione in classifica. Gara che inizia con il vantaggio dei padroni e la squadra di Gioacchini che chiude il primo tempo sull’1-1 grazie a una rete di Moretti. Ripresa con la Vivace a cercare di far sua l’intera posta senza successo, fino al 2-1 messo a segno a pochi minuti dal termine da Parroni. «Non sono contento – afferma nel dopo partita Gioacchini – perché se pensi che una partita sia facile da vincere, cala la tensione e noi non possiamo permettercelo. Per me sono tutti titolari, ma se qualcuno non è dentro la partita diventiamo vulnerabili». Non facile disputare una gara ogni tre giorni, tra campionato, coppa e recuperi. «Le gare consecutive non sono così facili da gestire dai ragazzi, ma alla fine l’importante era conquistare questa vittoria che, tra l’altro fa parte del girone d’andata. Guardiamo avanti con fiducia, considerando che il prossimo avversario è di grande livello». Domenica 10 alle 11 è in programma Vicovaro-Vivace Grottaferrata per il 24° turno di campionato.

post

La Vivace Grottaferrata supera 1-0 il Città di Valmontone nel 23° turno di campionato

Bel successo della Vivace Grottaferrata contro il Città di Valmontone nel 23° turno di campionato, che segue il passaggio ai quarti di finale di Coppa Italia. La squadra di Gioacchni si è imposta 1-0 grazie alla rete di Parroni giunta al 14′ della ripresa. Inizio equilibrato della gara con i padroni di casa a fare la partita e gli ospiti a contenere e provare a ripartire. La prima vera emozione al 18′, quando Cerroni arriva in area ma vede il suo cross ribattuto in angolo da Mazzon. Reazione dei padroni di casa tre minuti più tardi con un triangolo stretto tra Luciani e Parroni e palla deviata in angolo dalla difesa. Al 28′ l’occasione più limpida è per Luciani che si presenta solo davanti a Rovitelli e mette palla clamorosamente fuori. Primo tempo che non offre altro, pur mantenendo un buon ritmo di gioco. Al 7′ della ripresa la Vivace protesta per una spinta da tergo su Pansera in area che avrebbe meritato il calcio di rigore, poi al 14′ arriva la rete: azione manovrata dei padroni di casa con respinta corta della difesa e Parroni che d’istinto calcia al volo tre metri fuori area per un missile che spegne la sua corsa nel sette della porta difesa da Rovitelli. La rete subita scuote il Valmontone che reclama un rigore al 16′ per una trattenuta in area su Ciampi. Aumenta la pressione degli ospiti, ma al 35′ la Vivace potrebbe chiudere i conti perché Martena scambia con Parroni e si presenta in area, tirando però a lato. Girandola di sostituzioni, con la difesa di casa in grado di contenere gli avversari che cercano ormai solo palloni lunghi da spizzare in avanti. L’unica conclusione verso la porta di Fresilli arriva al 3′ di recupero con Colaiori che da 25 metri mette palla largamente oltre la traversa. Per il migliore in campo è dura scegliere tra Parroni e la coppia centrale di difesa, praticamente perfetta.

post

“Centocarte”, il saluto di Federico Masi

Arriva il saluto di Federico Masi in vista l’incontro di calcio che si disputerà sabato 9 aprile a Grottaferrata in memoria di Massimo De Angelis:

“Agli amici della Vivace.

Apprendo con molto piacere della manifestazione che si terrà il 09/04 pv presso il Campo Sportivo in Via degli Ulivi.
Manifestazione bellissima a sostegno di Capodarco e in ricordo di un cittadino di Grottaferrata, Massimo De Angelis, che ne valorizza ancora di più la portata e la valenza sociale e cittadina.
Auspico che tali eventi possano sempre più avere luogo nella nostra città e che il centenario della Vivace possa combaciare con i migliori risultati sportivi e con la miglior crescita dei giovani atleti di Grottaferrata. Lo Sport ancora una volta riesce ad essere strumento di aggregazione e di messaggi positivi.

Federico Masi”

post

Torna il campionato con Vivace Grottaferrata-Città di Valmontone

Dopo la Coppa Italia, con il passaggio ai quarti di finale superando ai rigori il Grifone Roma VIII, torna il campionato per la Vivace Grottaferrata che domenica attende la visita del Città di Valmontone, in piena lotta per i playoff. «Abbiamo superato una squadra solida in Coppa come il Grifone Roma VIII, una società che puntava molto su questa manifestazione. Essere tra le prime otto su 120 partecipanti è già un ottimo risultato, ma adesso vediamo cosa ci proporrà il sorteggio. La cosa certa è che, tra campionato, recuperi compresi e coppa, ci attendono due settimane con quattro partite». A iniziare dal Valmontone. «Squadra che ha speso molto per fare il salto ed è nelle zone alte della classifica. Il 3-3 dell’andata ci lasciò anche un po’ di amaro in bocca, ma ora è un’altra storia. Noi siamo in caccia di punti salvezza, loro per inseguire i playoff o magari una promozione diretta. Sarà sfida aperta». Squadra da dover gestire. «Faremo ancora un po’ di turnover, come del resto abbiamo fatto mercoledì scorso. I ragazzi sanno che la formazione gira perché non si può avere un 11 che gioca sempre. Con una rosa di oltre venti giocatori, considerando anche infortuni e squalifiche, è giusto così. Tutti devono sentirsi importanti e poi dimostrarlo in campo».

post

Anche Wrongonyou al Centocarte

All’incontro di calcio in memoria di Massimo De Angelis “Centocarte”, che si disputerà sabato 9 aprile a Grottaferrata ci sarà anche il cantante Wrongonyou. “Sarò felice di esserci – ha dichiarato -, per abbracciare la mia città e aiutare una realtà che è parte di Grottaferrata”.

post

“Centocarte”, il saluto di Settimio Lucci

Settimio Lucci, ex calciatore di Roma, Udinese e Piacenza, cresciuto nelle giovanili della Vivace, commenta così l’incontro di calcio che si disputerà sabato 9 aprile a Grottaferrata in memoria di Massimo De Angelis:

Porgo il mio saluto affettuoso a tutti i partecipanti alla partita in memoria di Massimo De Angelis.
“Centocarte” mi ricorda la mia infanzia a bordo campo a vedere gli allenamenti della Vivace quando mio papà era l’allenatore di questo gruppo di ragazzi che era un gruppo di amici prima che una squadra di calcio.
Mi piace pensare che tanti di loro sono stati di esempio per me per intraprendere una carriera da calciatore professionista e che sicuramente mi hanno fatto innamorare di questo sport.
Questa iniziativa abbinata ad uno scopo bonifico a favore di Capodarco rappresenta un piacevole evento utile per ricordare dei bei momenti del passato e tutte le persone che purtroppo non sono più con noi.

Un caloroso abbraccio a tutti.

Settimio Lucci

post

Coppa Italia, Vivace Grottaferrata ai quarti di finale

La Vivace Grottaferrata approda ai quarti di finale della Coppa Italia di Promozione superando 4-1 dopo i rigori (1-1) il Grifone Roma VIII. La squadra di Gioacchini ha disputato una gara solida, soffrendo gli avversari in diverse situazioni in particolare sulla fascia sinistra, ma restando sempre compatta e, di fatto, concedendo poco. Inizio con pioggia battente e le difese che tengono senza particolari problemi. Così la prima azione di rilievo giunge solo al 21′, quando Mercuri mette fuori di testa un cross di Tajarol. Al 28′ ospiti che arrivano bene in area con Bottoni, servito da Zappalà, ma il tiro non è un problema per Fresilli. Al 37′ è Sola a sprecare un cross di Bottoni e sul ribaltamento di fronte Ferraro scambia bene con Pietrantoni, si presenta davanti a Massetti e lo batte in diagonale per l’1-0 della Vivace. Tre minuti più tardi Acciari serve in area Tiberi che si gira bene, ma manda alle stelle il possibile 2-0. Il Grifone torna a farsi vivo al 43′ con un tiro dal limite di Bottoni respinto a pugni chiusi da Fresilli. La ripresa vede gli ospiti forzare i tempi e al 6′, su calcio d’angolo di Bottoni, l’incornata di Coccia vale l’1-1. Il Grifone cerca prendere in mano il pallino del match, ma l’unico pericolo per la porta di Fresilli arriva solo al 29′, con Zappalà che si spinge fino all’interno dell’area sbagliando però il servizio per Mancini. La gara si spegne lentamente e, dopo 4′ di recupero, si deve decidere ai tiri di rigore. La serie è velocissima, perché Tiberi, Ferraro e Pietrantoni non lasciano scampo a Massetti, mentre Fresilli neutralizza con due splendide parate Bottoni e Cardillo, per poi vedere il tiro di Zappalà finire oltre la traversa ed essere sommerso dai compagni.

post

Vivace Grottaferrata battuta 3-2 a Roma dalla Polisportiva De Rossi

La Vivace Grottaferrata è uscita sconfitta 3-2 sul campo della Polisportiva De Rossi nel 22° turno di campionato. La squadra di Gioacchini è stata penalizzata da una serie di episodi sfavorevoli, comprese un paio di decisioni arbitrali. «Un po’ di sfortuna è vero – afferma l’allenatore della Vivace – ma anche qualche nostra ingenuità. Gli episodi ci hanno penalizzato, questo perché cerchiamo sempre di giocare e qualcosa alla fine concediamo». Una prestazione sul piano del gioco della squadra che non ha soddisfatto del tutto Gioacchini: «In campo ci sono stati alti e bassi. Non abbiamo giocato con la continuità che ci contraddistingue. Dobbiamo tenere palla per avere il pallino del gioco e in alcuni frangenti non lo abbiamo fatto. Ora cerchiamo di resettare e pensare ai prossimi impegni che non sono certamente facili».

post

Domani la Vivace è a Roma per sfidare la Polisportiva De Rossi nel 22° turno di campionato

Domani torna in campo la Vivace Grottaferrata per il 22° turno di campionato. Dopo aver saltato la gara interna con l’Atletico Morena, per la squadra di Gioacchini è in programma un’altra trasferta a Roma contro la Polisportiva De Rossi. «I ragazzi hanno svolto allenamenti intensi in settimana – afferma Gioacchini – segno che hanno dato il senso giusto alla sconfitta con la Lodigiani, recependo lo stimolo a fare meglio». Avversario in difficoltà, ma assolutamente da non sottovalutare. «Li abbiamo battuti nel match di andata, ma restano una squadra che gioca a calcio, provando a costruire dal basso. Domenica scorsa erano in vantaggio 3-1, prima di cadere 5-3. Non dobbiamo commettere errori, perché ripeto, giocano a calcio e può essere considerato uno scontro diretto per noi, che comunque domenica cercheremo di fare la partita». La settimana senza calcio non ha pesato troppo sulla squadra. «Per me è meglio dare continuità, ma negli ultimi due anni, per i motivi che conoscono tutti, questo è stato praticamente impossibile. Con i recuperi e la coppa arriveranno turni infrasettimanali e non è semplice da gestire, considerando che i ragazzi che vanno in campo non sono professionisti. Con il covid ancora presente non si possono fare programmi che sicuramente puoi rispettare. Diventa davvero difficile, anche se l’impegno di società, staff e giocatori non manca mai».

post

Fabrizio Borraccesi (istruttore scuola calcio): porto la Vivace nel cuore per averci giocato

Abbiamo intervistato Fabrizio Borraccesi, istruttore della categoria 2009 II gruppo – 2012.

Cosa rappresenta per te la Vivace Grottaferrata?

La Vivace Grottaferrata la porto nel cuore per averci giocato negli anni 2000 sono arrivato a settembre 2020 mi sono subito integrato con la dirigenza e con il responsabile della scuola calcio sia che con gli altri istruttori per cui mi trovo bene.

Come descriveresti il gruppo di ragazzi che alleni?

Io quest’anno alleno i 2012 è un gruppo che si è formato quest’anno e viene da quasi 2 anni di pandemia per cui c’è molto da lavorare ma sono molto fiducioso perché sono dei ragazzi che hanno tanta voglia d’imparare è un gruppo di ragazzi molto unito tra loro anche se con caratteri diversi sono abbastanza contento.

Quali sono i valori che cerchi di trasmettere ai tuoi ragazzi?

Anche se per tanti di loro è ancora solo un divertimento cerco di trasmettere per prima cosa il rispetto dei compagni e degli avversari e poi cerco di mettere a loro disposizione la mia esperienza sia di giocatore che di istruttore cercando sempre di farli divertire imparando.

post

Rinviata Vivace Grottaferrata-Atletico Morena, il punto con il preparatore dei portieri Dario Graziani

Rinviata la gara interna in programma domani della Vivace Grottaferrata con l’Atletico Morena, valida per il 22° turno di campionato, ne approfittiamo per fare un punto con il preparatore dei portieri Dario Graziani. «Preparatore dei portieri significa dover fare attenzione a tante cose, fino ai dettagli. Studiare gli errori per riportarli ai ragazzi e cercare di migliorare sempre. Vedere la partita per me significa fare attenzione a quello che poi potrà eventualmente essere corretto nell’allenamento successivo». E non si parla solo di stare in porta, ma anche di giocare con i piedi. «Per il gioco che propone Stefano (Gioacchini) è fondamentale far partire la palla da dietro. Diventa quindi molto importante lavorare sulla giocata iniziale con i piedi. Eravamo partiti con una gerarchia diversa tra i pali, poi c’è l’infortunio del titolare. Così abbiamo optato per una soluzione diversa con Lorenzo Fresilli che ha messo insieme delle ottime prestazioni, al di là dei due rigori parati. Dispiace per Cristiano, ma sono certo tornerà più forte di prima». E sulla squadra in assoluto? «Noi dobbiamo solo ragionare domenica per domenica e non pensare a quello che magari poteva essere o a quello che potrà essere. Ci aspetta un finale di stagione difficile per il campionato, ma anche per la Coppa, dove affronteremo un’altra grande squadra. Dobbiamo avere fiducia in noi stessi, ma restando con i piedi per terra».

post

La Vivace Grottaferrata cade dopo sette risultati utili consecutivi

Dopo sette risultati utili consecutivi la Vivace Grottaferrata cade a Roma 2-1 contro la Lodigiani Calcio 1972, nel 20° turno di campionato. Gara equilibrata, con la squadra di Gioacchini che, pur priva di diversi elementi, ha lottato fino agli ultimi minuti di gioco. Qualche episodio non fortunato ha pesato sull’esito finale del match, anche se l’allenatore della Vivace non cerca scuse. «Partita che poteva finire con un punteggio diverso – afferma Gioacchini nel dopo gara – anche perché la squadra ha giocato bene, mettendo in campo quello che aveva. Tante le nostre assenze è vero, ma non può essere una scusa. Diciamo che non abbiamo avuto la sorte dalla nostra parte, considerando che il nostro portiere aveva parato un rigore prima del loro 2-1. La Lodigiani è comunque una squadra che sa farsi rispettare e che può contare su di un parco giocatori importante. Ora dobbiamo resettare e ripartire da quanto di buono abbiamo fatto nell’ultimo periodo». Domenica 20 è in programma il 21° turno con la Vivace che riceverà la visita dell’Atletico Morena.

post

Mercoledì 16 Lodigiani Calcio 1972-Vivace Grottaferrata per il 20° turno di campionato

Domenica il Girone D della Promozione posticipa la giornata di campionato, a causa della mancanza di arbitri disponibili. Così Lodigiani Calcio 1972-Vivace Grottaferrata, come il resto del 20° turno, si disputerà mercoledì 16 alle 15. «La mancanza di arbitri è un aspetto importante – afferma Stefano Gioacchini – e dobbiamo essere noi i primi ad aiutare il settore. La stragrande maggioranza degli arbitri di queste categorie sono giovani e non sono abbastanza tutelati. Dobbiamo aiutarli e giocare senza protestare, perché non possono sbagliare in malafede. Certo, ci vogiono anche gli aggiornamenti da parte dell’AIA». Mercoledì la trasferta con la Lodigiani. «Sono un po’ preoccupato perchè i media stanno enfatizzando le nostre prestazioni e bisogna sempre restare con i piedi per terra. Loro sembra abbiano mandato via l’allenatore e la squadra potrebbe reagire. Da parte nostra ci deve essere quindi la massima concentrazione. Il clima di fiducia che è stato creato si costruisce gara per gara, sfruttando al massimo gli allenamenti. L’attenzione e la preparazione al match deveno essere assoluti. Questo chiedo a ogni allenamento, perché poi in campo ovviamente non sempre può arrivare la vittoria». Intanto definita l’avversaria per gli ottavi di Coppa. «Il Grifone è un’altra squadra molto solida, ma c’è tempo per quella partita. Ora dobbiamo pensare alle prossime tre di campionato».

post

Federico Fagotti, allenatore 2007 campionato Regionale: per me la Vivace è una famiglia

Abbiamo intervistato Federico Fagotti, allenatore della categoria 2007 campionato Regionale.

Cosa rappresenta per te la Vivace Grottaferrata?

Per me la Vivace Grottaferrata rappresenta molto più di una società, una famiglia che mi ha dato l’opportunità di cominciare a confrontarmi nel settore agonistico dopo varie esperienze nella scuola calcio. Ringrazio quindi ogni membro della società, dal presidente ai dirigenti che ogni domenica mi accompagnano in campo.

Come descriveresti il gruppo di ragazzi che alleni?

Il gruppo 2007 è fantastico, i ragazzi sono sempre disposti a migliorare anche fermandosi 20 minuti oltre l’orario di allenamento. Sono ragazzi educati e che si impegnano al massimo e sono sicuro che da qui a fine anno tutto questo verrà ripagato.

Quali sono i valori che cerchi di trasmettere ai tuoi ragazzi?

Sicuramente l’amicizia, la disciplina, la lealtà, ma anche il “saper vincere e saper perdere” processo fondamentale per la crescita dei ragazzi, in quanto, esclusivamente dal loro miglioramento passa il raggiungimento degli obiettivi che ci siamo prefissati.

post

La Vivace Grottaferrata soffre, ma supera il Torre Angela 4-2

Bene (il risultato), ma non benissimo (il gioco espresso). In ogni caso va bene così, perché la Vivace Grottaferrata supera 4-2 il Torre Angela e sale a quota 27 punti, confermando la striscia positiva di risultati (7), tra campionato e coppa. Brutto l’approccio dei padroni di casa che tra 3′ (grande parata di Fresilli su Fabrizi) e 6′ (Papa fuori da posizione favorevole dentro l’area) rischiano di andare sotto. Al 15′ però un lancio di Martena trova impreparato Pizzingrilli, che si fa anticipare da Tiberi, poi bravo a superare il portiere avversario in uscita. Il Torre Angela fa grande densità a centrocampo e la Vivace fatica, ma trova il 2-0 grazie a un lancio di Raparelli per Aspri che batte un poco reattivo Mattogno. Gli ospiti non demordono e accorciano al 34′ con una punizione di Fabrizi dal vertice sinistro dell’area. Allo scadere Aspri riesce a scavalcare il portiere con un tocco sotto dal limite sinistro dell’area piccola, ma trova l’opposizione di Laoreti sulla linea di porta. La ripresa inizia come il primo tempo.

Meglio gli ospiti che al 6′ fanno 2-2 ancora con Fabrizi su assist da destra di Papa. Tre minuti più tardi ancora Papa pericoloso con un tiro che finisce a lato. Sul ribaltamento di fronte Parroni offre un pallone d’oro ad Aspri che mette in rete da pochi passi, riportando avanti la Vivace. Il canovaccio del match non cambia, perché i padroni di casa faticano e al 24′ Fabrizi va vicino alla tripletta personale, girando di testa un pallone da corner che finisce venti centimetri oltre la traversa. La partita resta in bilico fino al 2′ di recupero, quando Luciani finalizza un bel contropiede battendo il portiere avversario in uscita. Aspri, non solo per le due reti, il migliore in campo.

post

La Vivace Grottaferrata passa il turno in Coppa

Il momento positivo della Vivace Grottaferrata prosegue anche in Coppa, grazie al successo per 1-0 sul Nuovo Cos Latina. Gara difficile per la squadra di Gioacchini che ha sofferto gli avversari in maniera particolare nel primo tempo, per il quale deve ringraziare il portiere Fresilli, migliore in campo e decisivo in almeno due occasioni. Ripresa di qualità superiore con la rete di Pietrantoni all’11’ che ha deciso la contesa. Inizio del match a buon ritmo, ma senza emozioni fino all’11’, quando Pansera riceve palla in area da un rimpallo, ma si fa parare il tiro da Catalani. La replica degli ospiti è immediata con Campagna che si ritrova a tu per tu con Fresilli che riesce a deviare palla in angolo. Al 19′ i pontini si fanno rimpallare un paio di tiri dalla difesa, quindi Campagna conclude dal limite dell’area senza impensierire particolarmente Fresilli. Al 24′ Acciari ruba palla a centrocampo poi mette in area senza trovare la deviazione vincente di Pansera. Cinque minuti più tardi uno splendido lancio di Antonelli mette in condizione Campagna di trovarsi nuovamente a tu per tu con Fresilli che salva in maniera splendida. L’ultimo quarto d’ora vede gli ospiti prendere possesso della partita, ma senza creare occasioni di nota. La ripresa si apre invece con i padroni di casa più convinti e in vantaggio all’11’: Acciari riceve palla da punizione sulla destra, entra in area e serve Pietrantoni che controlla, si gira e batte Catalani. Il gol sembra spegnere le velleità degli ospiti e la Vivace arriva di nuovo al tiro al 20′ (Acciari, rimpallato dalla difesa), al 26′ (Ferraro, alto) e, dopo l’espulsione per proteste di Formica, al 34′ (Parroni, a lato). Al 36′ però, da una punizione dalla trequarti, Ciccarelli si ritrova leggermente decentrato sulla sinistra a non più di quattro metri da Fresilli ma calcia incredibilmente fuori. Il pericolo scampato rimette in marcia i padroni di casa alla conclusione con Aspri di destro al 40′ e con Tiberi di testa al 43′. L’ultimo sussulto giunge al 4′ di recupero con Antonelli che sembra battere a botta sicura da centro area, ma vede il suo tiro deviato da Mazzon in calcio d’angolo. Passa il turno la Vivace Grottaferrata.

 

 

post

Simone Condello (istruttore scuola calcio 2014): per me la Vivace è una seconda casa

Abbiamo intervistato Simone Condello, istruttore scuola calcio cat. 2014.

Cosa rappresenta per te la Vivace Grottaferrata?

Per me la vivace Grottaferrata rappresenta una seconda casa da subito mi sono sentito parte di questa società mi ha accolto nel migliore dei modi e subito mi sono sentito importante e parte integrante del progetto che sta costruendo questa società perciò ogni volta che rappresento la Vivace cerco di rappresentarla nel migliore dei modi sia negli allenamenti sia nelle gare perché la Vivace Grottaferrata è una famiglia non una semplice società.

Come descriveresti il gruppo di ragazzi che alleni?

Io personalmente alleno una fascia di età molto particolare i 2014, il gruppo di ragazzi è fantastico siamo riusciti in 6 grazie anche all’aiuto dei genitori e dello staff di creare un gruppo meraviglioso sia dentro che fuori al campo è di questo ne sono molto fiero, i ragazzi sono molto bravi mi ascoltano sempre e pian piano migliorano di settimana in settimana anche se ogni tanto mi fanno perdere la pazienza ma è questo il bello di allenare una squadra di ragazzi è anche aver pazienza ascoltare ciò che dicono e farli divertire il più possibile.

Quali sono i principi su cui si basa il tuo metodo di allenamento?

Il principio fondamentale su cui si basa il mio metodo di allenamento è di far sviluppare il più possibile le capacità coordinative di ogni ragazzo, farli crescere dal punto di vista tecnico, attivare gli stimoli sulle funzioni cognitive e infine che per me è un obiettivo principale il divertimento che è alla base di ogni sport.

post

Quinto risultato utile consecutivo per la Vivace Grottaferrata

Quinto risultato utile consecutivo per la Vivace Grottaferrata che pareggia 3-3 a Bellegra nella 18ª giornata del campionato di Promozione. Altra prestazione positiva sul piano del gioco, con qualche rimpianto per il pari avversario, giunto a 1′ dalla fine e con la Vivace in 10 per l’espulsione di Acciari. Gara pirotecnica con la squadra di Gioacchini in vantaggio 1-0 (Parroni), poi sotto 2-1, ma in grado di chiudere il primo tempo sul 2-2 (Aspri). Nella ripresa un rigore fallito dalla Vivace in grado di portarsi comunque sul 3-2 con il neo entrato Pietrantoni. Allo scadere in mischia il pari definitivo dei padroni di casa. «Loro hanno esultato a fine gara – afferma Stefano Gioacchini – ed è per noi un segnale importante, perché significa che veniamo rispettati come avversario. Il pari ci può stare in casa di una squadra in salute che aveva vinto sul campo della prima in classifica e che in casa subiva poco, potendo contare su di un ambiente molto caldo. Dispiace per il rigore sbagliato e la rete subita allo scadere, ma dare continuità ai risultati è fondamentale, e i ragazzi hanno fornito l’ennesima prestazione positiva sul piano del gioco. Ora ricarichiamo le pile e pensiamo al turno infrasettimanale di Coppa con il Nuovo Cos Latina». La partita è in programma allo Stadio di Grottaferrata mercoledì 2 marzo alle 15.

post

Tris di impegni per la Vivace Grottaferrata, Gioacchini: recuperiamo giocatori importanti

Vigilia di una settimana ricca di impegni per la Vivace Grottaferrata, tra campionato e Coppa Italia. Domenica la trasferta a Bellegra per la 18ª giornata, mercoledì turno di Coppa interno con il Nuovo Cos Latina e il 6 marzo 19ª ancora in casa con il Torre Angela. «Recuperiamo giocatori importanti – afferma Stefano Gioacchini – che possono dare esperienza alla squadra e tenere i più giovani, che hanno dimostrato di poter fare bene, sulle spine. Non c’è dubbio che sia una settimana impegnativa. Il Bellegra è reduce dalla vittoria sulla prima in classifica e il Nuovo Cos Latina guida il Girone E. A seguire il Torre Angela che ha bisogno di punti salvezza. Non sarà semplice». La squadra è reduce da tre vittorie consecutive e il morale non può essere che alto. «Vero, ma ogni domenica fa storia a sé. Il Bellegra è passato 3-1 sul campo del Rocca Priora nell’ultimo turno ed è un un’ottima squadra. In passato avevamo offerto altre buone prestazioni, ma non premiate dal risultato, come invece è accaduto nelle ultime gare disputate. Dobbiamo proseguire su questa strada». In Coppa ci sarà un po’ di tournover. «Come del resto abbiamo cercato di fare ultimamente. È un turno a eliminazione diretta e il Nuovo Cos Latina ha perso una sola gara in campionato. Probabilmente un avversario di categoria superiore che sarà bello affrontare».

post

Sergio Di Vincenzo (allenatore 2005 reg.): la mia squadra è innanzitutto un gruppo di amici

Abbiamo intervistato Sergio Di Vincenzo, allenatore dei ragazzi 2005 categoria regionale della Vivace.

Cosa rappresenta per te la Vivace Grottaferrata?

Per me la Vivace Grottaferrata rappresenta molto. In questa società ho iniziato un percorso già da qualche anno che mi ha permesso di crescere sotto tutti i punti di vista. In più quest’anno la Vivace ha permesso a noi allenatori di confrontarci con un campionato regionale. Una sfida sicuramente piena di insidie ma molto affascinante.
Ringrazio la società e il mio direttore Paolo Buzi per questa opportunità.

Come descriveresti il gruppo di ragazzi che alleni?

Innanzitutto è un gruppo di amici… Un gruppo meraviglioso, si impegnano sempre e ascoltano tutto ciò che gli dico. Non ci sono invidie tra di loro anche quando uno gioca al posto dell’altro anzi chi non gioca incinta il compagno a dare il meglio, posso dirlo senza problemi è uno dei gruppi migliori che mai avuto.

Punti più sull’aspetto tecnico-tattico o più su quello mentale e caratteriale?

Veniamo dalla scorsa stagione che non si è giocato per niente quindi fin dall’inizio ho puntato sull’aspetto mentale. Ma il mio lavoro è mirato nel formare il carattere naturale calcistico e nel migliorare quelle capacità tecnico tattiche che non vanno mai tralasciate a qualsiasi età.

post

Roberto Pompili, allenatore Esordienti 2009: la mia squadra ha ottime potenzialità di crescita

Abbiamo intervistato Roberto Pompili, allenatore degli Esordienti 2009 della Vivace Grottaferrata.

Cosa rappresenta per te la Vivace Grottaferrata?

Per me la Vivace Grottaferrata rappresenta l’inizio della mia passione per il calcio. La mia prima società. Uno dei miei ricordi più belli di quando ero ragazzo. Ricordo benissimo e con tanto affetto tutti i miei compagni di squadra, il mio primo mister, Daniele Pisciotta e il custode di una vita Giulio Croce.
Era bellissimo quando la domenica mattina arrivavo al campo e vedevo Giulio che disegnava le linee del campo di terra con il gesso, prima di entrare nello spogliatoio osservavo per qualche minuto quel rettangolo marrone con quello sfondo magnifico dell’Abbazia e poi indossavo quella maglia rossa.
È normale quindi che associo la mia grande passione alla Vivace. Per me la Vivace rappresenta il calcio, quello puro, quello vero, quello dei ragazzi.

Come descriveresti il gruppo di ragazzi che alleni?

È il secondo anno che alleno il gruppo dei 2009. Descrivere un gruppo non è semplice. Questa fascia di età è particolare perché non sono più bambini ma al tempo stesso non sono nemmeno adulti, quindi bisogna costantemente cercare di trovare quell’equilibrio tra l’aspetto ludico e quella di crescita tecnica, umana e relazionale. È un gruppo numeroso, sono circa 26 ragazzi e di conseguenza molto eterogeneo tecnicamente e caratterialmente. Nonostante il numero ho la fortuna di non avere grosse problematiche di gestione del gruppo, perché sono tutti ragazzi che si comportano bene e ormai hanno acquisito la metodologia di allenamento e le regole essenziali per far parte di un gruppo e di una squadra di calcio.
A livello tecnico è una buona squadra che però ha ottime potenzialità di crescita. Insieme al nostro responsabile, Massimiliano Matrullo, stiamo già lavorando per migliorarle per il prossimo anno perché ci sarà il grande salto dalla scuola calcio all’agonistica, con tutte le relative incognite e difficoltà ma sono ottimista perché, ripeto, credo molto nelle potenzialità di questo gruppo.

Quali sono i principi su cui si basa il tuo metodo di allenamento?

Si parla tanto di principi di allenamento. Forse anche troppo. Non voglio dire che non siano importanti ma dal mio punto di vista, almeno nella scuola calcio, devono essere sempre correlati all’aspetto relazione dell’atleta.
Comunque, insieme al mister Fabrizio Borraccesi, cerchiamo sempre di strutturare l’allenamento su una base tecnico-situazionale. Quindi lavorare su un paio di obiettivi tecnici (trasmissione-tiro in porta- possesso palla ecc.), che variano ogni una o due settimane. In una prima parte lavoriamo essenzialmente sul miglioramento del gesto tecnico, ma poi la inseriamo in una seconda parte situazionale, ovvero in una simulazione più vicino possibile alla partita della domenica, perché è in funzione della partita che ci alleniamo dove gli input esterni che ricevere il ragazzo sono molteplici e imprevisti.
In sintesi proviamo a migliorare il gesto tecnico del ragazzo, ma soprattutto la capacità di scelta del gesto tecnico e la sua applicazione in un tempo ristretto, perché è quello che in realtà richiede la partita.
Infine, per me è fondamentale l’aspetto relazionale e dialogico con i ragazzi e tra i ragazzi. Spiegare un’esercitazione così come una scelta o una regola imposta ai ragazzi è fondamentale affinché la comprendano e quindi la rispettino, perché se il bello del calcio è sicuramente il gesto tecnico del singolo, è altrettanto bello e essenziale sentirsi parte di una squadra.

post

La Vivace espugna Tivoli, battuto il Villa Adriana

Chiamate Grottaferrata 3-1 3-1 e ancora 3-1. Dopo aver imposto un 3-1 ad Atletico Colleferro e Vis Subiaco, nel 17° turno di campionato la Vivace Grottaferrata non cambia registro e vince al Rocca Bruni di Tivoli con lo stesso punteggio sul Villa Adriana. Con tutto il rispetto per le due avversarie affrontate in casa, questo successo in trasferta ha un peso specifico superiore. Il Villa Adriana è infatti una pretendente ai playoff, che oltre tutto aveva percorso un cammino interno importante, conquistando 21 dei 30 punti in classifica. La Vivace è andata in vantaggio con Acciari, ha subito l’1-1 su calcio di rigore di Tani, per poi chiudere il primo tempo con il gol di Giacomi da schema di punizione. Nella ripresa Tiberi ha messo a segno il 3-1 da una bella azione di ripartenza che ha spento le velleità dei padroni di casa. «Soddisfatto per la continuità che siamo riusciti a dare sul piano di gioco – ha detto al termine del match Stefano Gioacchini – e ovviamente dei risultati. Grande partita contro una squadra ben allenata e capace di mettere in difficoltà le avversarie sul terreno amico. Grande sportività del loro allenatore che, con la squadra in svantaggio, non ha mai speculato sugli infortuni dei nostri giocatori». La Vivace sale a quota 23 in classifica, ancora in zona playout ma con la gara contro la Pro Roma Calcio da recuperare. Domenica prossima altra trasferta a Bellegra.

post

Gioacchini: contro il Villa Adriana non dobbiamo abbassare la guardia

Dopo i due successi interni per 3-1 con Atletico Colleferro e Vis Subiaco, nel 17° turno di campionato la Vivace Grottaferrata affronta una trasferta in casa di una squadra che aspira ai playoff come il Villa Adriana, attualmente quarta in classifica. «Le due vittorie consecutive sono importanti – afferma l’allenatore della Vivace Stefano Gioacchini – ma le vere certezze arrivano dal gioco espresso dalla squadra in queste partite. Devo dire che siamo stati bravi anche noi dello staff a creare questa situazione e per questo sono più che contento». Potrebbe arrivare un po’ di rilassatezza avendo aggiustato la classifica? «Non penso che ci sia questo rischio, perché abbiamo dimostrato sul campo di essere più forti degli avversari. Quello che incontreremo domenica è ovviamente di carature diversa e guarda verso i playoff. Noi poi in trasferta abbiamo raccolto poco». Il Villa Adriana si impose nel match di andata 2-1. «Hanno vinto grazie a un solo tiro in porta nella ripresa e su punizione, ma giocano un buon calcio partendo dal basso. Hanno perso qualche giocatore salito di categoria e avranno il portiere titolare squalificato, però questo non ci deve in alcun modo far abbassare la guardia. Cercheremo la vittoria, ma poi tutto quello che potrà venire sarà di guadagnato». La partita è in programma al Rocca Bruna di Tivoli alle ore 11. Arbitro Romano, assistenti Raganelli e Coppola.

post

Ottima prova della Vivace, battuta la Vis Subiaco

Secondo successo consecutivo per la Vivace Grottaferrata, che ha superato 3-1 la Vis Subiaco nel 16° turno di campionato. Il risultato in fotocopia rispetto a domenica scorsa è maturato grazie a una prova solida della squadra di Gioacchini. Passata in vantaggio alla mezz’ora del primo tempo, la Vivace ha poi controllato la situazione e nella ripresa ha chiuso i conti con gli avversari. Inizio di gara equilibrato con gli ospiti che sprecano una buona occasione al 9′ con Lawrencechjioke, da una palla persa a centrocampo. Replica dei padroni di casa al 16′ con un assisti di Giacomi non sfruttato da Tiberi. Al 23′

scontro tra lo stesso Tiberi e il portiere Alessio Pasqualoni che resta a terra per tre minuti. Al 27′ Vivace in vantaggio con Gioacchini che, dopo un’azione insistita e prima respinta del portiere su Tiberi, infila la porta di destr

o da un paio di metri dentro l’area. Pasqualoni poco dopo lascia il posto tra i pali a Palladino. La partita a scacchi non cambia, con le due squadre chi non riescono a superare le rispettive linee difensive. La Vis apre la ripresa più aggressiva, ma viene infilata al 4′ da una splendida ripartenza finalizzata da Giacomi che mette a segno il 2-0. Al 14′ la Vis potrebbe rimettersi in corsa grazie a un rigore assegnato per un fallo di Francesco Martena su Luca Pasqualoni. Lo stesso numero 10 ospite però calcia debolmente sulla destra per la parata di Fresilli. L’occasione fallita spegne la gara e le uniche annotazioni fino alla mezz’ora sono i cambi che si susseguono. Proprio due nuovi entrati al 34′ confezionano il 3-0: Pansera serve Acciari che batte Palladino in uscita con un pallonetto da fuori area. Al 41′ una palla persa dai locali viene sfruttata da Caffi che calcia in maniera splendida dai 25 metri battendo Fresilli per il 3-1. Sarà il risultato finale. Federico Giacomi il migliore in campo.  

post

Mister Gioacchini: “Con la Vis Subiaco gara aperta come quella del girone d’andata”

Dopo il successo ottenuto con l’Atletico Colleferro, altro turno interno per la Vivace Grottaferrata, che domenica attende la visita della Vis Subiaco (ore 11.15) per il 16° turno di campionato. Mister Gioacchini torna innanzi tutto sulla gara di domenica scorsa: «Le cose stavano andando bene e ci stavamo accontentando. C’è stato un calo di tensione e l’inizio del secondo tempo è lo specchio di quanto accaduto. Non deve succedere di nuovo». Domenica rientra Giacomi dalla squalifica, ma non ci sarà più Sciamanna, che è tornato a Morena. «Si è riavvicinato per problemi familiari. Ha salutato tutti e ringraziato. Torna a Morena comunque da vincente. Recuperare Giacomi ci aiuta, considerando che domenica scorsa abbiamo schierato quattro millennians». Vis Subiaco avversario che conta un solo punto in più in classifica rispetto alla Vivace. «Sulla carta non merita la classifica che ha, considerando i giocatori che ha acquisito e chi la allena. Noi dobbiamo impostare la gara con le soluzioni che abbiamo a disposizione. I miei giocatori sono giovani per la maggior parte e con il mio staff cerchiamo di lavorare anche sull’aspetto psicologico, senza dare troppo peso alla classifica. Con la Vis Subiaco mi aspetto una bella gara come è stata quella dell’andata, finita 3-3, ma con la vittoria che ci sfuggì negli ultimi minuti di gioco». Arbitro del match Santilli, assistenti Ticano e Grasso.

post

Tris della Vivace Grottaferrata contro l’Atletico Colleferro

La Vivace Grottaferrata supera 3-1 (2-0) l’Atletico Colleferro nel 15° turno di campionato. La squadra di Gioacchini ha dominato il primo tempo, chiuso senza concedere nulla agli avversari, ma ha sprecato a inizio ripresa una buona occasione per chiudere la gara, permettendo agli ospiti di accorciare le distanze con l’unico tiro in porta nei 90′. Ripreso il controllo della situazione, la Vivace ha chiuso i conti a 6′ dalla fine.

Prima occasione per i padroni di casa al 14′ con il tiro di Aspri messo in angolo da Crisafulli, non così preciso al 17′ sulla punizione da circa 25 metri di Sciamanna che sblocca il punteggio. Al 25′ una grande ripartenza di Magliocca permette a Gioacchini di insaccare il 2-0 con un tiro dal limite che colpisce il palo alla destra del portiere e poi entra in rete. L’unico sussulto degli ospiti al 38′ con un debole tiro di Salvoni che non è un problema per Fresilli.

A inizio ripresa la Vivace spreca tra 5′ (Sciamanna e sulla ribattuta Aspri alle stelle) e 8′ (Moretti da buona posizione calcia sul portiere), subendo al 9′ la rete di Salvoni che di infila di testa su cross dalla destra d Maselli. Gioacchini, che aveva già inserito Moretti a inizio ripresa, mette dentro prima Raparelli e poi Pansera. Gli ospiti cercano di cambiare il ritmo, ma senza costrutto, mentre la Vivace va vicina al terzo gol al 24′, prima con una conclusione di Moretti parata dal portiere e quindi, sul calcio d’angolo, con un tiro di Mazzoni senza successo. Al 30′ Pansera pensa troppo al guardalinee e calcia a lato appena entrato in area. Al 39′ però un tiro da fuori di Moretti subisce una deviazione che impenna il pallone e lo fa terminare alle spalle di Crisafulli per il 3-1. Partita chiusa dopo 3′ di recupero. Migliore in campo Davide Magliocca.

 

post

Mister Gioacchini prima del match con l’Atletico Colleferro: “Tante difficoltà, ma fiero dei ragazzi. Partita da non sottovalutare”

Domenica per la Vivace Grottaferrata (ore 11.15) la sfida interna con l’Atletico Colleferro nel 15° turno di campionato. Così Mister Gioacchini sul momento della sua squadra: «Diciamo che qualche problema c’è ovviamente, ma la cosa positiva è che i ragazzi sono voluti restare con noi in questi due anni difficili e si allenano sempre con voglia. Sono fiero di loro. Le esigenze covid non riguardano solo le assenze, ma lo strascico burocratico che si portano dietro, che è spesso pesante. Abbiamo un giocatore che sta fermo da 17 giorni e non sappiamo quando poterlo recuperare. Per i dilettanti non è semplice da gestire una situazione del genere. Secondo me è comunque un campionato falsato per questi motivi». Uno sguardo agli avversari di domenica, l’Atletico Colleferro. «Non è una diretta concorrente, perché per me sono tutte dirette concorrenti. Le difficoltà che abbiamo noi le hanno anche loro. È davvero un’incognita perché diventa per tutti difficile programmare od organizzare. In ogni caso credo che sia una squadra da tenere in considerazione».

post

Un punto prima di natale per la Vivace Grottaferrata

La Vivace Grottaferrata chiude il 2021 con un pareggio. Al Comunale finisce uno a uno il match con l’Atletico Torrenova valido per la tredicesima giornata del girone D del campionato di Promozione.

Dopo il gol di Verdini per gli ospiti, la formazione di casa trova il pareggio con Tiberi, che sbaglia un rigore ma sulla ribattutta deposita il pallone in rete.

In classifica la squadra di Gioacchini sale a quota 14 punti. Nella prossima giornata, in programma nel giorno dell’Epifania, i biancorossi saranno impegnati sul campo della Pro Roma Calcio.

post

Pareggio della Vivace in casa della Virtus Roma

Si è conclusa sull’uno a uno la sfida valida per la dodicesima giornata del girone D del campionato di Promozione tra Virtus Roma e Vivace Grottaferrata.

Di Parroni la rete dei biancorossi, mentre i padroni di casa della Virtus Roma sono andati a segno con Rossini.

Con il punto conquistato ieri la squadra di mister Gioacchini sale a quota 13 in classifica. Giovedì 23 dicembre, nell’ultimo turno di campionato del 2021, la Vivace ospiterà l’Atletico Torrenova.

post

Stop casalingo per la Vivace contro la Bi.Ti. Calcio

La Vivace Grottaferrata cade in casa nell’undicesima giornata del girone D del campionato di Promozione. La squadra di Gioacchini perde uno a zero contro la Bi.Ti. Calcio di Marino, a segno con Bianchi.

La formazione biancorossa resta così ferma a quota dodici punti in classifica e viene scavalcata dalla stessa Bi.Ti.

Domenica prossima la Vivace è attesa, per la dodicesima giornata, sul campo della Virtus Roma.

post

Il maltempo e il Rocca Priora RDP piegano la Vivace

Trasferta amara per la Vivace Grottaferrata, che nella decima giornata di campionato esce sconfitta per 3 a 2 dal campo del Rocca Priora RDP capolista.

Due volte passata in vantaggio, la squadra di Gioacchini è stata raggiunta e superata in un match caratterizzato anche dalle cattive condizioni meteorologiche.

Con questa sconfitta i biancorossi restano fermi a quota 12 in classifica. Domenica prossima la Vivace ospiterà la Bi.Ti. Calcio.

post

Gabriele Pansera (2002): siamo un gruppo molto unito

Abbiamo intervistato Gabriele Pansera, classe 2002, nuovo acquisto della Vivace Grottaferrata, a segno nel pareggio per tre a tre contro il Valmontone.

Qual è stato il tuo percorso calcistico prima di approdare alla Vivace?

Ho iniziato a giocare a calcio nel settore giovanile del Rocca di Papa, poi sono passato alla Lepanto Marino dove ho fatto i giovanissimi regionali, ma a metà anno ho continuato a giocare al Città di Ciampino. Successivamente è arrivata la chiamata dell’Urbetevere dove ho concluso l’anno. Subito dopo sono passato alla Tor Tre Teste dove ho vinto un campionato regionale togliendomi molte soddisfazioni. Ed infine lo scorso gennaio sono arrivato alla Lupa Frascati.

Come ti sei inserito nel nuovo ambiente?

Mi sono sentito accolto subito dalla squadra, sia dai più esperti che dai giovani come me. Siamo un gruppo molto unito tra di noi e questa è una cosa molto importante.

Qualche settimana fa hai realizzato il tuo primo gol con la maglia biancorossa. Che emozione è stata?

Qualche settimana fa ho realizzato il mio primo gol con questa maglia, ma è stato anche il mio primo gol tra i grandi. È stata una grande emozione anche perché non giocavo una partita ufficiale da quasi due anni. Il gol è stato cercato e sono molto contento che sia arrivato allo scadere dei novanta minuti perché recuperare una partita all’ultimo non è da tutti. Questo significa che la squadra ci ha messo cuore per riprenderla.

post

Tris del Vicovaro, la Vivace perde in casa

Brutta battuta d’arresto per la Vivace Grottaferrata che nel turno infrasettimanale del girone D del campionato di Promozione perde in casa per tre a zero contro il Vicovaro.

Di Loreti, Taverna e Timperi le reti degli ospiti. Con questa sconfitta la squadra biancorossa resta ferma a quota 12 punti in classifica.

Domenica 5 dicembre, per la decima giornata, gli uomini di mister gIoacchini saranno impegnati sul campo del Rocca Priora.

post

Foto d’epoca ricevuta dal sig. Giuseppe

Dopo il nostro appello ad inviarci testimonianze utili per la realizzazione del libro che celebrerà il centenario della Vivace, Giuseppe, papà di un esordiente biancorosso, ci ha inviato questa foto d’epoca della nostra gloriosa squadra.

Ringraziando Giuseppe, ricordiamo che potete inviare le vostre testimonianze a storia@vivacegrottaferrata.it

post

Doppietta di Parroni, la Vivace pareggia 3 a 3 in casa del Valmontone

L’ottava giornata del campionato di Promozione regala un pirotecnico pareggio tra Città di Valmontone e Vivace Grottaferrata.

Parroni porta in vantaggio la Vivace su calcio di rigore nel primo tempo. Nella ripresa Parroni sigla la sua personale doppietta e porta gli ospiti sul due a zero. Ma i padroni di casa ribaltano il punteggio grazie alle reti di Colaiori, Barani e Sarnino. Pansera, sugli sviluppi di un calcio piazzato battuto da Parroni, trova il gol del definitivo tre a tre.

La squadra di mister Gioacchini torna a Grotaferrata con un buon punto, che la porta a quota 12 in classifica. Domenica prossima la Vivace ospiterà il Vicovaro.

post

La prima partita in Promozione di Veloccia: “Sono stato contento di essere entrato e di aver potuto dare una mano alla squadra”

Abbiamo intervistato il nostro classe 2003 Jacopo Veloccia, che già ha esordito in Promozione.

Ci racconti il tuo esordio in Promozione?

Il mio esordio in promozione è stato sicuramente emozionante, non pensavo arrivasse domenica, ma sono stato contento di essere entrato e di aver potuto dare una mano alla squadra.

Che rapporto hai con i componenti meno giovani della prima squadra?

Con i ragazzi più grandi ho instaurato un bel rapporto. Noi più piccoli da loro possiamo solo apprendere, quindi il potermi confrontare con persone che hanno più esperienza di me e che giocano a questo sport da molto prima di me è solo un bene che mi farà crescere sia sotto il punto di vista calcistico che di maturazione.

Quanto è importante sentire la fiducia da parte del mister?

La fiducia da parte del mister a mio parere è importante, sentirsi parte integrante di un gruppo e non solo un numero è ciò che fa la differenza sotto il punto di vista mentale, poi starà a me farmi trovare pronto nel momento in cui sarò chiamato in causa.

post

Santarelli e l’esordio in Promozione: “Non mi aspettavo di entrare”

Abbiamo intervistato il nostro Federico Santarelli, classe 2003, che ha esordito nel campionato di Promozione.

Ci racconti il tuo esordio in Promozione?

Il mio esordio, anche se molto breve, dato che sono entrato negli ultimi minuti, è stato molto bello anche perché non mi aspettavo di entrare, poiché il giorno prima avevo fatto tutti i 90 minuti con la Juniores. Sono stato molto contento che il mister mi abbia dato fiducia, sono entrato e ho fatto quello che dovevo fare, ho aiutato la squadra sia in attacco che in difesa e ho fatto del mio meglio, come ho fatto anche nell’esordio in Coppa Italia qualche mese fa contro la Bi.Ti.

Quanto è importante sentire la fiducia da parte del mister?

Penso che la fiducia vada conquistata allenandosi bene e con la giusta testa. In ogni allenamento do il 100% e vedo che il mister se ne accorge. La fiducia che mi ha dato domenica e anche in altre occasioni mi spinge sempre più a fare meglio. Ho ancora tanto da imparare sotto il punto di vista tattico, ma con i suoi insegnamenti e continuando cosi posso migliorare tanto.

Che rapporto hai con i componenti meno giovani della prima squadra?

Con la squadra rido e scherzo con tutti sia nello spogliatoio che in campo. Anche con i compagni più “esperti” parlo molto tranquillamente e chiedo sempre anche consigli sulla tattica o su come stare in campo, da loro posso imparare tanto per fare sempre meglio.

post

I 2008 a punteggio pieno, Casertano: “Siamo un gruppo numeroso e con tanta qualità”

Abbiamo intervistato Alessandro Casertano, allenatore dei 2008 della Vivace, a punteggio pieno in questa stagione.

Cinque vittorie su cinque. Ci racconti come è stato questo inizio di campionato?

L’inizio di campionato è stato sicuramente positivo, anche se possiamo e dobbiamo fare di più. Specialmente nelle ultime due partite c’è stato un calo di concentrazione e questo dobbiamo evitarlo; essere primi in classifica deve essere uno stimolo a fare ancora meglio, e non un motivo per allentare la tensione.

Cosa ti ha colpito di più dei tuoi ragazzi?

La cosa che più mi ha colpito, specialmente se parliamo di ragazzi di 13 anni, è la capacità di mettere la squadra davanti agli interessi personali. Siamo un gruppo numeroso e con tanta qualità; questo aiuta ad alzare l’intensità e la competitività in ogni allenamento.

Quali sono gli obiettivi su cui punterai per il resto della stagione?

L’obiettivo stagionale è quello di far crescere il più possibile i ragazzi e gettare le basi di quello che sarà il gruppo U15 del prossimo anno. Per quanto riguarda la classifica dico ai ragazzi di non guardarla e ragionare partita dopo partita. A gennaio tireremo una linea, e se saremo ancora lì, perché non provarci?

post

Un libro per il centenario della Vivace

In occasione del centenario della Asd Vivace Grottaferrata 1922 stiamo realizzando un libro sulla storia della nostra squadra. Si tratta di un’opera che ripercorre i momenti gloriosi, ma anche quelli più difficili, che il club biancorosso ha attraversato nel corso di un secolo.

Al fine di coinvolgere tutta la comunità nella realizzazione del libro chiediamo a chiunque abbia aneddoti, racconti, immagini, foto o quanto altro ritenga interessante per ricostruire la storia della Vivace di inviarci una mail all’indirizzo storia@vivacegrottaferrata.it

post

Tris alla Polisportiva De Rossi, la Vivace torna a vincere

Dopo la sconfitta e le polemiche di sette giorni fa, la Vivace Grottaferrata torna alla vittoria grazie al tre a uno con cui la formazione di mister Gioacchini ha superato la Polisportiva De Rossi nella settima giornata di campionato.

Martena, Sciamanna e Pietrantoni sono gli autori dei gol della compagine biancorossa, che sale a quota 11 punti nella cassifica del girone D di Promozione, superando proprio la Polisportiva De Rossi.

Il prossimo impegno della Vivace sarà in trasferta, sul campo della Città di Valmontone.

post

La Vivace perde a Morena, mister Gioacchini contesta l’arbitraggio

La Vivace Grottaferrata esce sconfitta per due ad uno dal campo dell’Atletico Morena nella sesta giornata di campionato.

Insoddisfatto dell’arbitraggio il mister biancorosso Gioacchini: “Credo che oggi è la dimostrazione che la figura dell’arbitro debba essere tutelata anche dai noi addetti ai lavori perché il livello degli stessi preoccupa e soprattutto determina risultati”.

“Ricordiamo – ha aggiunto Gioacchini – che tutti lo facciamo per passione, ma poi abbiamo tutti interessi di squadra, di club e personali di fare bene. Quello che mi preoccupa di più é l’interpretazione che la terna dà agli episodi durante le partite spesso che sono agli antipodi”.

“Esempio. Nella partita in casa con la Lodiagiani – ha dichiarato l’allenatore della Vivace – l’arbitro mi ha obbligato a mettere due palloni dietro la porta nostra e due dietro quella avversaria proprio per evitare perdite di tempo. Nonostante non stavamo vincendo ho fatto quello che l’arbitro mi ha chiesto condividendo la sua richiesta. Oggi con il Morena ho fatto la stessa richiesta sia al giudice di linea che all’arbitro e i palloni sono rimasti nella sacca del Morena per tutto l’arco della partita per ovviamente perdere tempo e l’arbitro mi ha risposto che non è di sua competenza”.

“Non voglio poi commentare – ha concluso Gioacchini – il rigore del secondo gol dove il guardalinee ha segnalato una evidente posizione di fuorigioco mentre l’arbitro ha convalidato un rigore con lo stupore i tutti. Noi siamo disponibili ad aiutare gli arbitri infatti alla mia squadra chiedo di giocare in silenzio, ma ci vuole anche rispetto per il tempo che dedichiamo a questo sport con aggiornamenti e meeting per migliorare il livello di tutti”.

post

Pietrantoni dopo la doppietta alla Lodigiani: è stata una grandissima emozione

Abbiamo intervistato Leonardo Pietrantoni, il grande protagonista nella vittoria di lunedì contro la Lodigiani con una doppietta.

Che emozione hai provato nel realizzare una doppietta importante come quella di lunedì?

Lunedì è stata una partita importante per noi. L’avevamo preparata insieme al mister Gioacchini con cura proprio per portarci a casa i tre punti, che sono fondamentali per noi. È stata una partita dove ognuno ha dato il massimo sacrificandosi anche per il compagno. Poi coronare la vittoria con una doppietta è stata una grandissima emozione a livello personale che ho condiviso a pieno con la squadra e con tutto lo staff che ci sta sempre accanto.

Dopo un inizio non brillantissimo sembra che la squadra abbia trovato maggiore equilibrio. Sei d’accordo?

Sì, sono d’accordo. E’ che vero all’inizio abbiamo avuto qualche sbandamento, ma ci siamo ripresi in fretta, ora abbiamo trovato un giusto equilibrio e durante la settimana ci alleniamo sempre con la massima intensità e concentrazione in modo tale da trovarci pronti ogni domenica con l’obiettivo di portare a casa i 3 punti.

Quali sono gli obiettivi stagionali che vi siete posti?

A livello personale cerco sempre di migliorare, imparare e crescere sempre di più in ogni allenamento dando il massimo in modo tale da farmi trovare sempre pronto dal mister in qualsiasi momento. Per quanto riguarda, invece, gli obiettivi stagionali che ci siamo posti con la società e il mister Gioacchini in particolare, sono proprio quelli di far bene ogni domenica e trovare il miglior piazzamento possibile in classifica.

post

Colpaccio della Vivace, tre a due alla Lodigiani

Bel successo della Vivace Grottaferrata nella quinta giornata di campionato. Davanti al proprio pubblico, la squadra di mister Gioacchini supera tre a due la Lodigiani, che si presentava all’incontro come prima in classifica.

I biancorossi passano in vantaggio con Pietrantoni, ma vengono raggiunti da Ruggiero. Nella ripresa Pietrantoni firma la sua doppietta personale prima che gli ospiti trovino di nuovo il pareggio con Barbetti. All’87’ un rigore realizzato da Tiberi regala alla Vivace il secondo successo consecutivo.

Domenica prossima, nella sesta giornata di campionato, la squadra di Grottaferrata sarà impegnata sul campo dell’Atletico Morena.

post

Andrea Ruscica (2005): una sensazione nuova l’esordio nel campionato regionale

Abbiamo intervistato Andrea Ruscica, portiere dei nostri 2005.

Come è stato l’esordio nel campionato regionale?

L’esordio è stato una sensazione nuova per me come per molti altri compagni di squadra perché non avendo mai giocato in un campionato di questa categoria mi sono sentito come un giocatore di una squadra promossa dalla Serie B alla Serie A.

Hai trovato differenze tra il campionato regionale e quello provinciale?

Io da portiere noto che il gioco si è fatto molto più veloce e gli attaccanti e centrocampisti sono più rapidi, potenti e tecnici. Questa nuova categoria mi sta stimolando tanto nel migliorarmi.

Quali sono gli obiettivi tuoi e quelli della squadra per questa stagione?

Gli obbiettivi miei sono di migliorare sempre di più e di dare una sicurezza alla squadra ogni volta che giochiamo la domenica. Per quanto riguarda la squadra puntiamo soprattutto a divertirci e provare a vincere le partite, pur giocando in un campionato che per noi è “nuovo”, ma grazie alla spirito di squadra e i consigli del mister sono sicuro che rimarremo soddisfatti a fine anno.

post

Luca Acciari: gioia immensa per la doppietta con il Torre Angela

Abbiamo intervistato il nostro attaccante Luca Acciari, che con una doppietta ha trascinato la Vivace nella vittoria di domenica scorsa in casa del Torre Angela.

Cosa hai provato domenica nel realizzare la doppietta che ha contribuito alla vittoria contro il Torre Angela?

Devo dire che ho provato un gioia immensa sia perché credo che non potevo fare di meglio al mio esordio, anche se da ora in avanti ci sarà da lavorare sempre di più per migliorare, sia perché ormai era quasi da più di un anno causa covid che non segnavo e non giocavo. E poi sono contento per aver contribuito alla vittoria della squadra.

Come ti trovi negli schemi del mister e con i compagni di reparto?

Il modulo che utilizza è il mio preferito anche per le mie caratteristiche, anche se al mister piace variare nell’arco della partita, ma sono uno che riesce ad adattarsi e tutti i ruoli offensivi ed è per questo che non ho problemi a giocare dove lui vuole. Con i compagni di reparto mi trovo molto bene, sono tutti ottimi giocatori e da loro credo che riuscirò ad imparare molte cose per migliorarmi
.

Quali sono gli obiettivi che vi siete prefissati per questa stagione?

Credo che non abbiamo bisogno di prefissare degli obbiettivi, dobbiamo pensare soltanto a vincere, siamo una squadra forte che continuando a crescere può raggiungere ottimi traguardi.

post

Andrea Querini (2005): “L’importante è non abbattersi e continuare a lottare”

Abbiamo intervistato Andrea Querini, un altro di nostri promettenti 2005.

Come è stato l’esordio nel campionato regionale?

L’esordio nel campionato regionale è stato molto difficile, abbiamo incontrato una squadra molto preparata tatticamente, l’importante è non abbattersi e continuare a lottare.

Hai trovato differenze tra il campionato regionale e quello provinciale?

La maggiore differenza che ho potuto notare è la velocità di gioco e la pressione continua dell’avversario, spetterà anche a noi di dimostrare cosa sappiamo fare veramente senza demordere.

Quali sono gli obiettivi tuoi e quelli della squadra per questa stagione?

Non abbiamo dei veri e propri obbiettivi, dobbiamo allenarci duramente con la testa sulle spalle per affrontare bene ciò che ci aspetta il fine settimana e sappiamo appunto che ci spetteranno sempre delle squadre ben formate.

post

Prima vittoria in campionato, tris in casa del Torre Angela

Prima vittoria in campionato per la Vivace Grottaferrata. I biancorossi, nella quarta giornata del girone D di Promozione, battono per tre a uno in trasferta il Torre Angela.

Grande protagonista del match l’attaccante Luca Acciari, autore di una doppietta. La terza rete, invece, porta la firma di Tiberi.

Con questa vittoria, la squadra di mister Gioacchini, che domenica prossima ospiterà la Lodigiani, sale a quota cinque punti in classifica.

post

Diego Valentini (2005): esordio difficile, ma sono sicuro che ci riprenderemo

Abbiamo intervistato Diego Valentini, uno dei promettenti ragazzi classe 2005 della Vivace.

Come è stato l’esordio nel campionato regionale?

È stato sicuramente un esordio difficile con una sconfitta pesante contro un avversario molto forte, ma ora dobbiamo fare del nostro meglio per riprenderci già da domenica e sono sicuro che ci riusciremo.

Hai trovato differenze tra il campionato regionale e quello provinciale?

Sì, la maggior differenza l’ho trovata nell’intensità del gioco e nella qualità dell’avversario. I ritmi sono molto più alti e non ci si può fermare un attimo, bisogna rimanere concentrati durante tutta la partita.

Quali sono gli obiettivi tuoi e quelli della squadra per questa stagione?

Non abbiamo obbiettivi ben precisi. Ci siamo detti di pensare partita dopo partita dando sempre il massimo e poi vedremo dove arrivare, spero più lontano possibile perché siamo un bel gruppo e il nostro futuro dipende solo da noi.

post

Jaikey Gioacchini: in campionato abbiamo raccolto meno di quello che meritavamo

Abbiamo intervistato il giovane calciatore biancorosso Jaikey Gioacchini.

Come è iniziata questa stagione per la Vivace?

Siamo partiti bene in coppa nonostante l’eliminazione e adesso, dopo il ripescaggio, affronteremo il Latina che si trova nelle prime posizioni di classifica. In campionato abbiamo raccolto meno punti di quello che meritavamo in campo.

Che rapporto hai con il mister e con i compagni di squadra?

Il mister é anche mio padre e come mi ha insegnato, non mi regala nulla anzi vuole che io spinga più degli altri ed é giusto così. Sono il più giovane della squadra che é un mix tra grandi e ragazzi di prospettiva. I grandi ci mettono a nostro agio e per me sono sempre uno stimolo a migliorarmi. Si vive un’atmosfera sana, di rispetto e professionalità

Qual è la posizione in campo in cui riesci ad esprimere meglio il tuo potenziale?

Io mi adatto alle scelte del mister e alle necessità della squadra perché sono un giovane, mi piace giocare dietro le punte se proprio dovessi scegliere un ruolo.

post

Dario Monaco: “Staff e calciatori remano tutti nella stessa direzione”

Abbiamo intervistato il nostro centrocampista Dario Monaco.

Come valuti l’inizio della stagione della Vivace Grottaferrata?

Sicuramente positivo per l’amalgama che abbiamo iniziato a creare lo scorso anno e consolidato in questo all’interno dello spogliatoio. Staff e calciatori remano tutti nella stessa direzione e c’è grande disponibilità al lavoro e al sacrificio da parte di tutti e questo a lungo termine darà i suoi frutti. In termini di risultati sicuramente abbiamo fatto molto bene in coppa, mentre in campionato vogliamo e dobbiamo fare di più. Avremmo potuto sicuramente avere qualche punto in più con un po’ di fortuna, ma non mi piace trovare alibi perché la fortuna va portata dalla nostra parte con il giusto atteggiamento e la fame che ci deve contraddistinguere in ogni momento o situazione della partita.

Quali obiettivi vi siete prefissati per questa stagione?

L’obbiettivo è portare sul campo ogni domenica quello che lo staff ci trasmette in settimana in termini tecnici, tattici e soprattutto di atteggiamento. Sarà il campo a definire gli obbiettivi, anche perché siamo in un girone di ferro nel quale tutte le squadre sono attrezzate e possono/vogliono far bene. Ovviamente ci siamo anche noi.

Dove ti posizioni negli schemi di mister Gioacchini?

Il mister e lo staff ci preparano a diverse soluzioni tattiche con le quali possiamo schierarci a inizio gara o a gara in corso ed io, come tutta la squadra, sono a disposizione per dare il mio contributo. In queste prime cinque giornate sono stato impiegato sia nel centrocampo a due che a tre e cerco di interpretare al meglio ciò che il mister richiede in base al ruolo ricoperto.

post

Edo Mazzon: bisogna avere fiducia, i punti arriveranno

Abbiamo intervistato il nostro calciatore Edo Mazzon.

Come giudichi l’inizio della stagione della Vivace Grottaferrata?

L’inizio della stagione sicuramente non è dei migliori se guardiamo i punti realizzati, però credo che a volte bisogna avere un po’ di fiducia e continuare a fare buone prestazioni come abbiamo fatto in queste partite, che i punti arriveranno.

Dove ti collochi negli schemi di mister Gioacchini?

Sinceramente sono aperto ad ogni scelta, credo che i moduli si possano cambiare continuamente durante tutto l’anno così come gli interpreti.

Quale obiettivo vi siete posti per questo campionato?

Per ora nessun obiettivo delineato, vedremo successivamente con le partite a seconda di come andranno; è ancora troppo presto.

post

Campionati giovanili, Matrullo: mi aspetto che i ragazzi diano il meglio di loro in ogni gara

Abbiamo intervistato Massimiliano Matrullo, responsabile del settore giovanile della Vivace Grottaferrata, a poche ore dall’inizio dei campionati.

Finalmente ripartono i campionati giovanili. I ragazzi sono pronti?

Prima di tutto voglio fare un grosso in bocca al lupo a tutti i ragazzi che da domani iniziano a competere nei vari campionati regionali. Abbiamo lavorato tanto da quando ci siamo radunati, i ragazzi sono vogliosi di iniziare e questo ci fa bene sperare.

Cosa ti aspetti in questa stagione dalle squadre giovanili della Vivace?

Forse questa è la prima volta che la Vivace Grottaferrata ha tutte le squadre nelle varie categorie che partecipano ai campionati regionali. Sicuramente è uno stimolo in più per tutti ma la cosa che mi aspetto è che i ragazzi diano il meglio di loro in ogni gara. L’obiettivo è quello di mantenere tutte le categorie regionali così da avere una solida base per il futuro.

Quali sono le avversarie di questo fine settimana?

I Giovanissimi fascia”B” di mister Casertano affronteranno sabato pomeriggio fuori casa la consolidata e solida Polisportiva De Rossi. I Giovanissimi di Mister Fagotti affronteranno domenica mattina sempre fuori casa il Velletri. Gli Allievi fascia “B” da me allenati incontreranno sabato pomeriggio sempre fuori casa la solida e ben allenata Velletri. Gli ultimi a scendere in campo saranno gli Allievi di mister De Vincenzo che giocheranno domenica alle 15:00 al Comunale di Pavona contro la forte Albacynthia.

post

Gioacchini: contro la Vis Subiaco prestazione propositiva

“Trasferta difficile con squadra ostica dove sarà per tutti difficile andare via con un risultato positivo”. E’ questo il commento del mister Stefano Gioacchini sull’esordio in campionato della Vivace, che ha pareggiato per 3 a 3 sul campo della Vis Subiaco.

“Sono contento della prestazione propositiva dei mie ragazzi – ha aggiunto l’allenatore – , anche se abbiamo iniziato con meno intensità del solito. Nonostante questo siamo andati in vantaggio. Il Subiaco é stato bravo a ribaltare il risultato e noi altrettanto bravi a ribaltarlo nuovamente per poi farci raggiungere nei minuti finali come era successo a Morena nonostante abbiamo spinto fino oltre il 90esimo per vincere. Questo é sempre il nostro atteggiamento di squadra. Abbiamo fin qui giocato tre trasferte con 11 gol all’attivo. Dobbiamo migliorare nel gestire meglio la partita una volta che ci sono i presupposti adatti. Siamo una squadra costruita per arrivare alla salvezza prima possibile, ma possiamo poi toglierci qualche soddisfazione in corso d opera. Merito di ragazzi che seguono con entusiasmo”.

post

Pirotecnico tre a tre nella prima giornata di campionato

Pareggio spettacolare per la Vivace Grottaferrata nella prima giornata del girone D del campionato di Promozione.

La squadra allenata da Gioacchini ha chiuso sul tre a tre il match in casa della Vis Subiaco. Per la squadra biancorossa sono andati a segno Tiberi e Parroni, mentre la prima rete è stata un autogol.

Prossimo impegno per la Vivace domenica prossima in casa contro Villa Adriana.

post

Maurizio Bucci: la Vivace rappresenta la storia del calcio di Grottaferrata

Abbiamo intervistato Maurizio Bucci, dirigente accompagnatore ufficiale del club.

Cosa rappresenta per te la Vivace Grottaferrata?

La Vivace per Grottaferrata rappresenta la storia del calcio di questa città, basti pensare a tutti quei bambini di questa cittadina che hanno calpestato il campo Comunale dando i primi calci ad un pallone indossando questa storica maglia, e quanti genitori negli anni hanno colorato le tribune soffrendo e gioendo per i propri figli.

Che impatto ha avuto la nuova società?

La nuova società è subentrata in un periodo molto delicato segnato dalla pandemia, tuttavia la stagione è stata portata a termine nel miglior modo possibile nonostante i continui stop & start imposti dall’emergenza sanitaria. Questo però ha consentito alla Società di programmare la stagione in corso nel migliore dei modi assegnando a persone competenti le varie cariche tecniche e dirigenziali, la scuola calcio è ripartita alla grande con un gran numero di iscritti che hanno premiato l’attenzione che la società rivolge ai bambini più piccoli, quest’anno poi in vista del centenario del 2022 la società ha fatto un magnifico regalo a tutte le famiglie dei più piccoli con un costo di iscrizione alla scuola calcio molto competitivo.
Il settore agonistico ha lavorato molto bene in questo periodo di preparazione ed è composto da squadre attrezzate per disputare una buona stagione a partire dai giovanissimi 2008 fino ad arrivare alla Juniores. Infine non dimentichiamo la prima squadra in Promozione che speriamo possa disputare una stagione ricca di soddisfazioni.

Quali obiettivi vi siete prefissati per questa stagione?

Per quanto riguarda la squadra di cui mi occupo come dirigente, Allievi 2005, è una rosa di cui andiamo molto fieri in quanto l’80% dei calciatori sono ragazzi cresciuti nella nostra scuola calcio, la rosa è competitiva ed è stata puntellata con nuovi innesti che contribuiranno ad alzare il livello della squadra che è già abbastanza competitivo. Non sappiamo dove possiamo arrivare ma garantiremo il massimo impegno, i ragazzi e Mister Di Vincenzo sono molto uniti e stanno lavorando al massimo per affrontare la stagione che speriamo possa regalarci molte soddisfazioni.

post

Coppa Italia, solo i rigori piegano la Vivace

Sconfitta nel secondo turno di Coppa Italia Promozione per la Vivace Grottaferrata. I biancorossi escono a testa alta contro l’Atletico Morena, che vince ai calci di rigore dopo che i tempi regolamentari si erano chiusi sul tre a tre.

“Partita intensa con un campo piccolo – ha commentato nel post partita mister Gioacchini -. I ragazzi meritavano il bottino pieno rimontando per ben due volte per poi passare in vantaggio, considerando anche che sono stati concessi 2 rigori, di cui l ultimo veramente discutibile. Poi i rigori finali sono una lotteria”.

“Usciamo a testa alta – ha aggiunto l’allenatore della Vivace -, giocando a calcio e ben 8 gol all’attivo in due trasferte consecutive che si sono chiuse con una vittoria e un pareggio. Quindi complimenti ai miei ragazzi”.

post

Daniele Ingannamorte: “Con l’Atletico Morena mi aspetto una bella partita”

In vista del match di domenica contro l’Atletico Morena in Coppa Italia Promozione, abbiamo intervistato il calciatore biancorosso Daniele Ingannamorte.

Come giudichi il precampionato e l’esordio stagionale della Vivace?

Un precampionato molto entusiasmante considerando il lungo periodo di stop che abbiamo avuto, la voglia di tornare in campo era tanta e tutto il gruppo si è messo a Disposizione del mister e dello staff per tornare in forma in vista del campionato.

Che partita ti aspetti domenica contro l’Atletico Morena?

L’esordio stagionale ha dato un bel segnale a tutta la squadra, siamo più consapevoli delle nostre capacità. Ma questo è solo l’inizio perché dopo una bella vittoria si pensa subito alla prossima con l’Atletico Morena dove mi aspetto una bella partita. Non sarà facile né per loro e ne per noi, dobbiamo prendere gli errori della prima di coppa e correggerli per fare ancora meglio.

Come ti trovi negli schemi di mister Gioacchini?

Stimo molto il mister Gioacchini, penso sia una persona da cui si possa imparare molto, mi sta dando molta fiducia e questo da giocatore può solo che rendermi fiero e spingermi a dare il massimo in campo.

post

Juniores, Salvischiani: alla Vivace l’ambiente giusto per lavorare in tranquillità

Abbiamo intervistato Raffaele Salvischiani, nuovo allenatore della Juniores biancorossa.

Che ambiente hai trovato alla Vivace?

Ho trovato un ambiente che ha voglia di far bene, di crescere, con persone molto disponibili e molto attente a farti sentire a tuo agio. Quindi l’ambiente giusto per lavorare in tranquillità.

Quali sono gli aspetti su cui stai lavorando di più in vista dell’inizio del campionato?

Rispetto alla scorsa stagione sono arrivati diversi ragazzi nuovi quindi il mio primo obiettivo nel breve termine è riuscire a formare un gruppo unito e compatto, ovviamente non tralasciando gli aspetti tecnico-tattici e atletici determinanti per affrontare al meglio la stagione.

Quale obiettivo vi siete prefissati per questa stagione?

Vogliamo far bene e ne abbiamo tutte le possibilità, è un gruppo interessante. Siamo lavorando con impegno e sono molto fiducioso per il campionato. Un obiettivo è senz’altro riuscire a formare e a far crescere i ragazzi in modo da farli trovare pronti per la prima squadra.

post

Valerio Parroni: “Quando ho realizzato di aver fatto una tripletta è stato magnifico”

Abbiamo intervistato Valerio Parroni, autore di tre gol nel cinque a uno di domenica scorsa contro la Bi.Ti. a Marino.

Che sensazione si prova a segnare una tripletta all’esordio stagionale?

Il miglior esordio che si possa fare. Aspettavamo da mesi, causa pandemia, di rigiocare una partita davanti a tante persone come è successo nello stadio del Marino,eravamo molto carichi e pronti.
Personalmente speravo di poter vincere e far bene, ma quando ho realizzato di aver fatto una tripletta è stato magnifico.

Quali obiettivi ha la Vivace per questa stagione?

Il nostro unico obiettivo è quello di migliorare come squadra, non abbiamo pressione e viviamo il campo giorno per giorno, e questo ci porta ad essere sereni e fare le cose con la giusta mentalità. Contro il Marino ci davano tutti per spacciati, conoscendo la qualità dei giocatori che militano in questa squadra, ma determinati e consapevoli dei nostri mezzi abbiamo fatto un bel risultato.

Come ti trovi negli schemi di mister Gioacchini?

Parliamo di un professionista vero, un lusso per me e per la squadra, d’altronde i numeri sono dalla sua parte. Al di là degli schemi e delle disposizioni tattiche e una persona che sa relazionarsi con tutti i tipi di giocatori, grandi come nel mio caso e con i tanti giovani che abbiamo in squadra che hanno voglia di apprendere e migliorare. Con lui e con lo staff che abbiamo a disposizione possiamo solo far bene, siamo solo all’inizio.

post

Daniele Asci: esordio da sogno, ora la testa è alla partita contro l’Atletico Morena

Dopo la cinquina rifilata alla Bi.Ti. e in previsione del match di domenica prossima contro l’Atletico Morena, abbiamo intervistato Daniele Asci, difensore della Vivace Grottaferrta.

Vi aspettavate un esordio così convincente?

Un esordio da sogno. Sicuramente ci aspettavamo una partita dura ed equilibrata. Siamo stati bravi a sfruttare le occasioni create nel primo tempo e a chiuderla nel secondo tempo. L’abbiamo preparata bene, poi la presenza di molti ex e l’atmosfera da derby ci ha dato quella spinta in più per arrivare ad un risultato così rotondo. Ora la testa è già a domenica per il secondo turno dove affronteremo l’Atletico Morena, un’altra ottima squadra.

Quali obiettivi ha la squadra per questa stagione?

Non ci siamo posti obiettivi particolari, sappiamo di non essere la squadra favorita per la vittoria finale ma vogliamo essere una bella sorpresa. La società ci mette a disposizione tutto quello di cui abbiamo bisogno e ci fa lavorare in serenità, mentre la squadra è un ottimo mix tra esperti e giovani guidata da uno staff preparato e ambizioso che ci fa allenare sempre con il sorriso, e questo si vede anche in campo la domenica. Ci sono tutti i presupposti per fare bene.

Come è schierata la difesa nel modulo di mister Gioacchini?

Il mister ci prepara a diverse soluzioni con difesa a 3 o a 4, la mentalità è sempre propositiva e abbiamo le nostre idee che portiamo la domenica in campo, insomma non ci adattiamo agli avversari. Personalmente darò tutto per fare un grande campionato guidando la difesa e per far crescere i tanti giovani interessanti che abbiamo in rosa.

post

Cento gol in carriera per Augusto Raponi: “Un bel traguardo rimandato a causa di pandemia e infortuni”

Abbiamo intervistato Augusto Raponi, attaccante della Vivace, che nella goleada di domenica in casa della Bi.Ti. ha siglato il suo centesimo gol in carriera.

Che esordio è stato quello di domenica in Coppa Italia Promozione?

Il miglior esordio che potessi immaginare. È stato bello vedere tanta gente sugli spalti, cosa che ci ha dato una marcia in più, nonostante giocassimo un derby fuori casa. Il gruppo ha vinto la partita dedicandola al nostro compagno di squadra Simone Costalunga.

Che valore ha per te aver siglato il centesimo gol in carriera?

Un bel traguardo rimandato a causa di pandemia e infortuni. Ho potuto anche togliermi un sassolino dalle scarpe visto che anni fa a Marino non sono stato trattato nei migliori dei modi ed averlo, quindi, realizzato proprio domenica ha un valore in più per me. Già da oggi ho la testa a domenica per poter dare alla Vivace un grande contributo e regalarci ancora delle emozioni.

Quali sono gli obiettivi stagionali dela Vivace?

Gli obiettivi che ci proponiamo sono il concentraci partita dopo partita, lavorando sodo ad ogni allenamento per poter migliorare quei piccoli particolari che nel calcio fanno la differenza. Ma non nascondo di voler fare un campionato rimanendo nelle primissime posizioni.

post

Coppa Italia, cinquina della Vivace a Marino

Larga vittoria della Vivace Grottaferrata nella prima partita ufficiale della stagione, valida per il primo turno della Coppa Italia Promozione. La squadra biancorossa ha espugnato Marino, superando la Bi. Ti. per cinque a uno. Grande prestazione di Parroni, autore di una tripletta. Gli altri gol portano la firma di Raponi e Giacomi.

Soddisfatto il tecnico biancorosso GIoacchini: “Abbiamo affrontato un derby, con una squadra attrezzata ed in casa loro. I ragazzi hanno dato tutto quello che avevano e la soddisfazione più grande é vederli che si divertono giocando. Questa é la coppa, campionato sarà un altra storia. La vittoria la dedichiamo a chi lavora dietro le quinte come i nostri magazzinieri del campo Giampiero e Ciccio, e la nostra segretaria Michela. Loro sono quelli più importanti che vivono la quotidianità con i ragazzi dalla scuola calcio fino alla prima squadra. Un pensiero particolare anche per il nostro capitano Buzi che a Marino è cresciuto”.

post

Giacomi: ci alleniamo quasi tutti i giorni per arrivare pronti al campionato

Prosegue l’avvicinamento della prima squadra della Vivace Grottaferrata verso la prima giornata di campionato. “Ci stiamo allenando quasi tutti i giorni e molto duramente per arrivare pronti al campionato”, ha dichiarato il calciatore biancorosso Federico Giacomi, ieri a segno nel match di Coppa Italia Promozione vinto contro la Bi. Ti..

“Non c’è un obiettivo preciso – ha spiegato Giacomi – in campionato noi pensiamo a giocare”. “Per me Grottaferrata – ha aggiunto – è dove sono cresciuto e ho imparato a giocare a pallone”.

post

Francesco Ferraro: la Bi.Ti. è forte ed esperta, non sarà facile

A poche ore dalla prima partita ufficiale della stagione, in programma domenica a Marino contro la Bi.Ti. nel primo turno di Coppa Italia Promozione, abbiamo intervistato Francesco Ferraro, calciatore della Vivace Grottaferrata.

Come state preparando la stagione?

Riprendere dopo un anno di stop forzato dovuto alla pandemia non è facile però abbiamo uno staff di primo livello e ci stiamo allenando molto bene. Sono uno dei più “anziani” del gruppo e vedo che c’è molta voglia nei giovani di mettersi in mostra e cercare di fare bene.

Quali obiettivi vi siete prefissati per il campionato?

I nostri obiettivi sono quelli di lavorare e provare a migliorare sempre, la società non ci ha messo pressione sugli obiettivi. Noi come gruppo dobbiamo mettere in atto quello che facciamo durante la settimana e seguire il mister e il suo staff, che per questa categoria a mio parere sono un lusso.

La Vivace affronterà nella prima partita ufficiale della stagione la B.I.T.I., la tua ex squadra. Che avversario sarà?

Loro sono una squadra forte ed esperta e hanno dei giocatori importanti, non sarà facile. Noi andiamo lì per giocarci la partita consapevoli della nostra forza e dei loro punti deboli proponendo il nostro calcio propositivo cercando di ottenere risultato.

post

Sergio Di Vincenzo (allenatore 2005): l’obiettivo principale è far divertire i ragazzi

Abbiamo intervistato Sergio Di Vincenzo, nuovo allenatore della categoria 2005 della Vivace.

Come ha trovato i ragazzi dopo questi anni difficili contraddistinti dalla pandemia?

Ritrovare i ragazzi in campo è già una bella notizia. Li ho ritrovati con la stessa voglia e la stessa passione. Dobbiamo ringraziare le famiglie che dopo questo periodo ci hanno dato fiducia e ci hanno quindi permesso di poter contare su tutti i ragazzi. Da tanto tempo non potevano giocare, potevano fare solo allenamenti distanziati, e tornare alla normalità è bello. I ragazzi sono molto motivati. Anche per noi allenatori non è stato facile gestire i ragazzi durante la pandemia. E’ una gioia poter tornare a fare quello che ci piace: insegnare il calcio ai ragazzi. Ringrazio infatti tutta la Società per questa opportunità ed in particolare il direttore della mia categoria, Paolo Buzi.

Quali sono gli aspetti su cui si lavora di più quando si allenano ragazzi giovani?

L’aspetto principale su cui si lavora è la tecnica individuale, anche su piccoli gesti come il passaggio, il tiro e il modo di correre. Si lavora anche sulla coordinazione con esercitazioni mirate. Adesso cerco anche di dare importanza al fattore mentale, soprattutto per quanto riguarda l’approccio all’allenamento e alle partite. Quello che si fa in allenamento poi si ritrova in partita.

Quali sono gli obiettivi per questa stagione?

L’obiettivo principale della stagione è far divertire i ragazzi. Non pongo obiettivi veri e propri. Cerco di far crescere i ragazzi sotto tutti gli aspetti. Questo è comunque un gruppo che, se mette in campo la giusta determinazione e la giusta mentalità, si può togliere molte soddisfazioni. Io credo molto in loro, ci stiamo preparando al meglio, stiamo lavorando sodo e ci sono nuovi ragazzi che si stanno inserendo bene. Tanti ragazzi sono cresciuti insieme e sono amici anche fuori dal campo. Ciò facilita l’inserimento dei nuovi.

post

Daniele Cascino (preparatore atletico): i ragazzi sono stati straordinari nonostante lo stop per il covid 19

Abbiamo intervistato il prof. Daniele Cascino, il nostro preparatore atletico.

Come sta andando il precampionato della Vivace?

Il momento della preparazione è sempre piuttosto complesso e devo ammettere che quello vissuto quest’anno lo è stato ancora di più in quanto i ragazzi vengono praticamente da due anni di inattività. L’obiettivo principale in questa fase è stato quello di ripristinare una forma fisica che ci potesse consentire di affrontare carichi di lavoro importanti evitando l’insorgenza di infortuni.

Quali sono gli obiettivi per il prossimo campionato?

Per il prossimo campionato l’intenzione del Mister e quindi di tutto lo Staff è sicuramente quello di divertirci e di proporre un calcio fatto di possesso palla ed intensità, aldilà di quella che sarà la posizione in classifica finale.

Come ha trovato i ragazzi dal punto di vista fisico e atletico?

Dal punto di vista atletico i ragazzi nonostante il momento di lunga inattività legato al Covid sono stati straordinari, dimostrando serietà, responsabilità e onestà. Siamo stati sempre in contatto e ci siamo sempre allenati sfruttando i sistemi di comunicazione che si sono dimostrati una enorme risorsa durante questo infelice momento. Nonostante questo il calcio è fatto di compagni, avversari, pallone e in particolar modo di spazio e tempo. Da questo punto di vista i due anni di inattività pesano come un macigno sullo stato psicofisico dei ragazzi, motivo per cui oggi a maggior ragione lavoriamo solo ed esclusivamente con la palla riducendo al massimo i momenti di lavoro definito a “secco” con l’intenzione di recuperare tutto quello ci ha tolto il Covid e cosa più importante tornare a vivere insieme vittorie e sconfitte.
Vorrei concludere facendo un ringraziamento al Mister Stefano Gioacchini, allo Staff, composto da Paolo Buzi e Dario Graziani, e al gruppo squadra per la serietà, disponibilità e professionalità fin qui dimostrata.

post

Dario Graziani (preparatore portieri): “Il precampionato sta andando molto bene”

Abbiamo intervistato Dario Graziani, il preparatore dei nostri portieri.

Come sta andando il precampionato della Vivace?

Direi che il precampionato sta andando molto bene. I ragazzi si impegnano molto durante gli allenamenti e domenica nella partita contro Parioli ho visto molte delle soluzioni che il mister propone alla squadra durante la settimana. Domenica ci attende il primo vero test ma sono convinto che tutta la squadra arriverà pronta e in condizioni ottimali per affrontare un impegno molto difficile.

Quali sono gli obiettivi per il prossimo campionato?

Sicuramente il primo obiettivo è quello di creare un ambiente sano e sereno. Il mister poi ha delle idee di gioco che difficilmente puoi trovare in queste categorie. Insomma ci sono le condizioni per poter fare un buon lavoro e toglierci delle soddisfazioni.

Cosa pensa dei portieri che compongono la rosa biancorossa?

Sono entrambi portieri molto giovani che stanno lavorando duramente giorno dopo giorno. Sono sempre molto disponibili nell’accettare i consigli che gli do durante gli allenamenti e si stanno applicando tantissimo per metterli in pratica. Nella partita di domenica sono rimasto molto soddisfatto di come hanno interpretato la partita sia da un punto di vista tecnico che di comportamento in campo. Mi auguro che attraverso il loro impegno e il lavoro che stiamo svolgendo insieme possano dare un contributo fondamentale durante il corso di tutto il campionato.

post

Precampionato, mister Gioacchini: “Ho trovato i ragazzi molto motivati”

Siamo ormai alle porte del nuovo campionato. La Vivace è pronta a tornare in campo. Per fare il punto sulla preparazione e sugli obiettivi dei biancorossi abbiamo intervistato il mister Stefano Gioacchini, ex calciatore che ha militato anche in Premier League.

Come sta andando il precampionato?
Abbiamo iniziato il precampionato il 23 agosto e, dopo la sospensione per il covid 19 dell’anno scorso, ho trovato i ragazzi molto motivati. Ci sono state diverse richieste di ragazzi nuovi che avrebbero voluto far parte del nostro gruppo. Questo significa che abbiamo messo le basi di un ambiente sano, dove la coerenza e la professionalità sono le motivazioni trainanti su cui costruire il nostro progetto. Credo che l’ambiente giusto sia l’elemento trainante in tutti i settori. Ho la fortuna di avere persone qualificate nel mio staff come il prof. Daniele Cascino, Paolo Buzi e Dario Graziani, che sposano la nostra filosofia.
Domenica abbiamo affrontato i Parioli, che militano in Eccellenza, e i ragazzi hanno fatto un’ottima prestazione con un risultato importante, 4-2, che ha poco valore in questo periodo. Ciò che ha più valore è che nella seconda parte dell’amichevole avevamo in campo cinque 2003, due 2002 e due 2001. Questo fa ben sperare.

Qual è l’obiettivo di classifica che vi siete prefissati?
Noi dobbiamo ringraziare il presidente Nicolanti, che, insieme a Marco Peverieri e Piero Ronci, non ci ha mai messo pressione sugli obiettivi perché sanno che daremo il 110% alla causa della Vivace. Gli obiettivi sono una conseguenza del lavoro, delle prestazioni e della caparbietà nella quotidianità della metodologia. Sicuramente un ruolo fondamentale lo ricopre il rapporto e la fiducia tra gli addetti ai lavori e la società: questa sarà sempre l’arma in più di ogni vittoria. Per vittoria non intendo solo i tre punti, ma vedere i ragazzi del settore giovanile raggiungere anche il mondo professionistico.

Avete cambiato molto l’organico rispetto alla stagione precedente?
La soddisfazione più grande è che tutti gli atleti dell’anno scorso sono voluti rimanere con noi. Ovviamente abbiamo dovuto fare delle scelte tenendo in considerazione il lato tecnico con le relative esigenze societarie. Cerchiamo sempre di far crescere i ragazzi del nostro settore giovanile, mantenendo anche uomini e giocatori storici della Vivace. Ripeto che per me e il mio staff conta solamente che l’ambiente sia sano, con regole e professionalità. Per i risultati di questo lavoro ci vorrà tempo, ma cerchiamo di lasciare ai nostri ragazzi dei ricordi e dei valori che potranno portare con loro sia nel mondo sportivo che lavorativo.

post

Ritiro a Campitello Matese, Matrullo: grande entusiasmo tra i ragazzi

Penultimo giorno di ritiro a Campitello Maltese per i ragazzi della Vivace, che domani nella tarda mattinata lasceranno la località in provincia di Campobasso per tornare a Grottaferrata. Abbiamo fatto il punto della situazione con Massimiliano Matrullo, responsabile del settore giovanile.

Come sta andando il ritiro a Campitello Matese?
Il ritiro che stiamo svolgendo qui tra le montagne di Campitello Matese ha sollevato un grosso entusiasmo tra tutti i ragazzi. Stiamo lavorando tanto, il programma che abbiamo elaborato ci sta permettendo di curare sia il lato fisico che quello tecnico tattico.

I ragazzi come stanno vivendo questo momento dopo le restrizioni dovute alla pandemia?
Vedere tutti questi ragazzi lavorare ed allenarsi con gioia ci fa ben sperare e ci permette di guardare avanti con entusiasmo. Siamo riusciti a portare in ritiro qui a Campitello Matese tutte le squadre dell’agonistica. Voglio ringraziare tutti le famiglie che ci hanno affidato, in questo periodo di grossa incertezza i propri figli.

Quali sono gli obiettivi per la stagione calcistica che sta iniziando?
Il nostro obiettivo è quello di mettere solide basi per costruire qualcosa di importante nel futuro. Avendo la possibilità di seguire da vicino tutti i ragazzi, posso dire con certezza che la strada che stiamo percorrendo ci darà tante soddisfazioni. L’obiettivo è quello di formare quanti più ragazzi per vederli un giorno esordire un giorno in prima squadra.

post

Messaggio rivolto ai commercianti e agli esercenti del territorio di Grottaferrata

La Asd Vivace Grottaferrata 1922 rinnova anche per la stagione sportiva 2021/2022 il suo impegno nel dare la possibilità ai giovani della nostra Città di praticare calcio.

I mesi appena trascorsi, caratterizzati dalla pandemia e dalle conseguenti restrizioni, hanno reso ancora più evidente quanto lo sport sia importante per la vita sociale della collettività e per il benessere fisico e mentale dei nostri ragazzi.

In occasione del suo centenario, la Vivace Grottaferrata, consapevole delle difficoltà economiche che molti stanno affrontando, ha deciso di venire incontro alle famiglie proponendo costi contenuti per la scuola calcio.

Al fine di supportare la Vivace Grottaferrata nel perseguire i suoi obiettivi di carattere sportivo e sociale e per far sì che continui a svolgere il suo importante ruolo per la nostra comunità, Vi chiediamo di diventare nostri partner commerciale.

Possiamo valutare insieme la migliore soluzione per le Vostre attività. Ad esempio, allestendo uno striscione con nome e logo della Vostra attività nei due campi sportivi utilizzati dalla Vivace Grottaferrata. Oppure dando la possibilità ai nostri calciatori e alle loro famiglie di scaricare dal nostro sito internet buoni sconto da utilizzare presso la Vostra attività.

Contattateci per ulteriori informazioni.

post

In occasione del centenario la Vivace propone costi contenuti per la Scuola Calcio

La Asd Vivace Grottaferrata 1922 informa che, in occasione della ricorrenza dei cento anni dalla sua nascita, darà vita ad una serie di iniziative. Insieme ad un programma ricco di eventi che presenteremo più avanti, comunichiamo la scelta di far partecipare tutti i bambini compresi tra i 5 e i 12 anni alle attività proposte dalla Scuola Calcio, con una piccola quota. I costi che le famiglie affronteranno ammontano infatti, all’annualità di euro 100,00, le spese di tesseramento e assicurazione per euro 30,00 e naturalmente il materiale sportivo, nel caso di nuovo iscritto. Anche la scelta di mantenere lo stesso kit sportivo dello scorso anno è riconducibile al fine di andare incontro alle famiglie in un periodo difficile da cui ci auguriamo di uscire quanto prima. Per quanto ci riguarda, continueremo a dare un servizio alla cittadinanza facendo sport in un ambiente sano, in collaborazione con l’Amministrazione che anticipatamente ringraziamo.

post

Scuola calcio, Massimiliano Matrullo: “La nostra priorità è il gioco”

Abbiamo intervistato Massimiliano Matrullo, responsabile del settore giovanile della Vivace Grottaferrata.

Quali sono le priorità della Vivace Grottaferrata per la scuola calcio?

In un momento storico come questo, l’apprendimento sportivo e scolastico hanno ricevuto un duro colpo.
Nella scuola come sul campo di calcio è mancata la quotidianità.
La nostra priorità è il gioco.
Tornare a giocare per imparare divertendosi.
Insegnare giocando, andando a recuperare il tempo perso in questo anno e mezzo.

Qual è la filosofia che cerca di perseguire la scuola calcio della Vivace?

La Filosofia si basa sull’intenzione di formare giocatori che pensino nel gioco soluzioni efficaci e divertenti. L’intenzione come volontà iniziale del sapere, del saper scegliere e del saper stupire se stesso e gli altri.
La metodologia si basa su un processo di relazione tra tutte le aeree coinvolte: Relazionale, Tecnica, Tattica e Atletica. Una strada con direzione definita verso obiettivi didattici elevati. Un cammino strutturato con proposte tecnico-cognitive elevate ed adeguate per ogni livello di capacità.
I Principi metodologici ai quali il metodo si attiene sono: la Relazione, lo Spazio e il Tempo.
Le due misure (Spazio e Tempo) danno un contesto in cui il giocatore dovrà necessariamente mettersi in relazione con loro e con i riferimenti intorno ad esso (compagno-avversario-porte-palla)
L’ Apprendimento attraverso proposte uguali ma con velocità di esecuzione differenti. La differenza della velocità viene impostata dal gruppo di lavoro in base alle proprie capacità Tecnico-Cognitive. L’attenzione rivolta all’individuo permetterà una crescita del singolo e di conseguenza un miglioramento del gruppo fino ad arrivare ad un gioco di squadra.
La Formazione del giocatore passa inevitabilmente attraverso tutte le figure coinvolte in questo ambiente. È necessario formare tali figure. Lo staff tecnico seguirà incontri metodologici ogni settimana al fine di migliorare o consolidare le sue conoscenze. I genitori saranno formati attraverso due incontri stagionali presso Università Tor Vergata. Tali incontri, di notevole importanza, hanno lo scopo di conoscere il lavoro che coinvolge il proprio figlio e aumentano le conoscenze del genitore affinché possa dare risposte adeguate durante la crescita sportiva e scolastica.
Il Senso di Appartenenza non rientra nella nostra formazione diretta. Non possiamo insegnare ad appartenere. Siamo convinti che sia la reale e concreta conseguenza di tutto il lavoro. Non si appartiene a qualcosa se non se ne condivide il senso. Non si appartiene a qualcuno disprezzando qualcun’altro. Non siamo forti evidenziando le debolezze dell’avversario. Ci sentiamo appartenenti a qualcuno o qualcosa quando attraverso il lavoro ed il sacrificio riusciamo a fare le cose meglio di ieri e meno bene di domani. Un giorno alla volta, vincendo paure e timidezze ma soprattutto correndo fino a quando ne abbiamo.

Quello che si appresta ad arrivare sarà un inizio di stagione diverso dal solito a causa delle restrizioni imposte dalla pandemia nell’ultimo anno e mezzo circa?

Sarà un inizio diverso, certo.
Abbiamo già ricevuto le prime indicazioni sui protocolli da seguire per le squadre Agonistiche.
Sicuramente la suola calcio è meno in difficoltà rispetto agli Under 14, ma anche lì abbiamo delle osservanze che vanno scrupolosamente rispettate.
Confidiamo in una stagione di rinascita per il calcio dilettante, e soprattutto per la nostra realtà.